/ Attualità

Attualità | 18 ottobre 2018, 16:13

Asava, i volontari delle ambulanze traslocano da Alba a Grinzane

Dopo 40 anni sul territorio albese, la storica associazione costretta ad abbandonare la sede nel centro della città: il trasferimento è previsto per il 22 ottobre

Il ricovero delle ambulanze Asava, dal quale l'associazione traslocherà il 22 ottobre

Il ricovero delle ambulanze Asava, dal quale l'associazione traslocherà il 22 ottobre

È ormai questione di giorni, per il trasferimento dell'Asava, l'Associazione Servizio Autisti Volontari Ambulanza, nata nella primavera del 1977 per rispondere all'esigenza del trasporto degli infermi su iniziativa degli albesi Silvio Veglio, allora presidente dell'ospedale San Lazzaro, Agostino Bertone, vigile del fuoco e primo volontario, e Alberto Levi, voce storica di Radio Alba. Tutto nasce da un’ambulanza, regalata dalla Regione Piemonte all’ospedale di Alba, ferma per due anni nel cortile del nosocomio per mancanza di personale e di finanziamenti per il funzionamento di un servizio di soccorso. In questa situazione i trasporti e i soccorsi sono effettuati dall’ambulanza dei Vigili del Fuoco e da quelle di alcuni privati, costose e a carico degli utenti.

Dopo 40 anni di servizio sui mezzi del San Lazzaro e del servizio 118, dall'inizio del 2017 l'associazione si è dovuta misurare con alcune difficoltà di natura burocratica e finanziaria, con rumors su una possibile sospensione del servizio, fino a allo sfratto delle ambulanze, con l'impossibilità di restare coi mezzi e gli uffici negli attuali locali in piazzetta Pietro Micca: l’autorimessa non è infatti più a norma circa le specifiche prescrizioni per il ricovero delle ambulanze, nella fattispecie in materia di misure antincendio.

La ricerca della nuova sede è stata tutt'altro che agevole, con il direttivo dell'associazione che si è sentito abbandonato dalla politica albese, ma che tuttavia non ha mai smesso di operare con serietà e dedizione al servizio della popolazione sul territorio, attraverso i volontari.

Alba off limits, dunque, ma porte aperte nella zona industriale del Gallo, nel territorio comunale di Grinzane Cavour, dove in questi giorni i volontari stanno effettuando trasloco: dal 22 ottobre, infatti, un capannone di via Borzone reso disponibile dall'imprenditore Ferdinando Ferrero e da sua figlia Elisa.

Contattato telefonicamente, il presidente Leoluca Mancuso conferma il trasferimento, preferendo tuttavia non rilasciare ulteriori dichiarazioni: “Organizzeremo un incontro una volta ultimato il trasloco, nel frattempo preferiamo evitare qualunque strumentalizzazione politica”.

Pietro Ramunno

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium