/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | domenica 21 ottobre 2018, 15:26

La pietra che ricorda le 30 vite perdute nelle Grande Guerra andrà da Gaiola a Biella

Sarà il sindaco Biolè a portarla, il prossimo 23 ottobre. Il 4 novembre presso il parco biellese si terrà la cerimonia per i cento anni dalla fine della I Guerra Mondiale

La pietra che ricorda le 30 vite perdute nelle Grande Guerra andrà da Gaiola a Biella

Il Comune di Gaiola ha selezionato e fatto preparare ad inizio agosto 2018 una pietra locale con il nome del Comune e il numero dei caduti durante la prima guerra mondiale. Tale oggetto è stato esposto in sala Tiboldo in occasione della mostra "Sulle tracce di trenta vite perdute nella Grande Guerra", curata da Guido Fantino e Ettore Robbione.

La stessa pietra verrà, martedi 23 ottobre, trasportata alla propria originaria destinazione: la città di Biella. Essa è infatti la concreta risposta all'appello del Comune di Biella e del circolo Su Nuraghe, poi diramato tramite le prefetture piemontesi e sarde, nel quale si domanda a tutti i comuni delle due regioni di approntare e recapitare nella città della lana un blocco lapideo che andrà a formare, insieme alle altre centinaia corrispondenti ad altrettanti comuni, un percorso di pietre da inciampo presso l'area monumentale "Nuraghe Chervu".

La pietra, reperita e selezionata presso l'antica cava in borgata Vaita a monte dell'abitato di Gaiola con la collaborazione di Paolo Laguzzi, vicepresidente dell'associazione Lou Viol, e magistralmente scolpita dall'artista Isabelle Vergé, verrà trasportata a Biella dal sindaco Fabrizio Biolé accompagnato dal collaboratore della squadra manutentiva comunale e dal presidente del gruppo alpini di Gaiola Livio Ugues e consegnata presso Palazzo Pella alla dottoressa Valeria Varnero, assessore ai parchi e giardini del Comune di Biella.

Il 4 novembre presso il parco biellese si terrà la cerimonia per i cento anni dalla fine della I Guerra Mondiale, evento che ricade nel Programma ufficiale delle commemorazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri. 

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore