/ Attualità

Attualità | 05 novembre 2018, 17:09

Una poesia sulla libertà per il ricordo dei caduti a Cortemilia

Anche gli allievi delle elementari insieme al sindaco, agli alpini e alle associazioni del paese intervenute alla commemorazione del IV Novembre

Una poesia sulla libertà per il ricordo dei caduti a Cortemilia

Ieri mattina, domenica 4 novembre, la comunità di Cortemilia si è riunita per ricordare i militari e i civili caduti per la pace e l’Unità d’Italia.

I ragazzi delle Scuole Elementari hanno composto una poesia dal titolo “La libertà è…”, con la quale ognuno ha indicato un piccolo pensiero su cosa sia la libertà. Il sindaco, Roberto Bodrito, dopo aver salutato e ringraziato le forze dell’ordine e le associazioni presenti, ha ricordato oltre a tutti i caduti, anche i cento anni della fine della Prima Guerra Mondiale.

Il primo cittadino ha poi espresso una considerazione sul senso civico che deve essere partecipazione e condivisione delle attività presenti sul territorio, un senso civico che porti a vivere la comunità come se fosse di ognuno di noi, anche solo con un piccolo gesto. Concludendo l’intervento ha riportato la frase di insediamento nella Casa Bianca del presidente Kennedy: “Non pensare a quello che il tuo Paese può fare per te, ma pensa a quello che tu puoi fare per il tuo Paese”.

La cerimonia si è poi conclusa con la lettura della comunicazione che il presidente nazionale dell'Associazione Alpini, Sebastiano Favero, ha inviato a tutte le sezioni.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium