/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | venerdì 09 novembre 2018, 14:36

8milioni di euro per Saluzzo e le Terre del Monviso: “Vogliamo consacrare questo territorio come destinazione turistica di eccellenza”

Il finanziamento europeo servirà per “lavorare sulla messa in sicurezza del territorio, sul sostegno agli anziani, sull'economia verde e sostenibile e soprattutto 2.770.000,00 euro per il turismo nei nostri territori”

Panorama su Saluzzo

Panorama su Saluzzo

8milioni di euro.

A tanto ammontano i finanziamenti che l’Unione europea ha destinato a Saluzzo e alle Terre del Monviso.

Serviranno per “lavorare sulla messa in sicurezza del territorio, sul sostegno agli anziani, sull'economia verde e sostenibile e soprattutto 2milioni e 770mila euro per il turismo nei nostri territori”, come scrive il sindaco di Saluzzo, Mauro Calderoni.

Il primo cittadino chiama a raccolta tutti i soggetti interessati nel progetto “Terres Monviso” per la presentazione ufficiale che si terrà nell’Antico Palazzo comunale dell’ex capitale del Marchesato, sabato 1 dicembre alle ore 10.30.

Il cammino delle “Terres Monviso” ha iniziato a muovere i suoi primi passi alcuni anni fa: “Abbiamo iniziato un po’ da visionari – scrive Calderoni - lavorando insieme a sei Unioni montane, ai Comuni del Saluzzese e al Parco del Monviso, creando una rete di 68 comuni, di centinaia di operatori privati, un territorio di 2600 chilometri quadrati e quasi 136 mila abitanti”.

Obiettivo: cercare, in ogni bando, risorse necessarie per elaborare un prodotto turistico innovativo che ha consentito di valorizzare i punti di forza del territorio: natura, cultura, agroalimentare.

“I dati di questi anni si conoscono – continua Calderoni – ma li vogliamo comunque riassumere: crescita del 10% l’anno delle presenze nazionali e, ancora di più, quelle estere; partecipazione a 14 fiere interazionali negli ultimi due anni, promuovendo le attività legate alla natura, all'escursionismo, al gusto e alla bicicletta; realizzazione di tre guide, cicloturismo, Atlante dei Sapori ed escursionismo invernale, oltre a decine di migliaia di mappe stampate per i cicloturisti, senza contare le guide per il turismo culturale ed una per l'escursionismo estivo in programmazione, creazione di ‘Occit'amo’, un festival di territorio conosciuto a livello internazionale che negli ultimi anni ha ospitato nomi prestigiosi quali Francesco De Gregori, Goran Bregovic e Jethro Tull e valorizzato la tradizione musicale occitana”.

Con i nuovi fondi europei, il territorio potrà concretamente assistere al compimento di altri progetti.

Come la realizzazione di sette “porte di valle, “rete di vetrine territoriali gestite da imprese e manager locali che svolgano un'attività integrata di promozione e accoglienza turistica” spiega il sindaco di Saluzzo.

“Inoltre – aggiunge - miglioreremo e aggiorneremo il nostro sito internet, con lo scopo di farlo diventare non solo strumento di promozione, ma anche di commercializzazione.

Prevediamo un ufficio stampa di livello internazionale, attento anche al locale, affiancato a esperti di marketing digitale e professionali nell'uso dei social.

Infine, andremo a rafforzare le presenze nelle principali fiere europee di settore, come quelle di Utrecht, Lione, Norimberga, Monaco, Frejus”.

“Nel prossimo triennio vogliamo consacrare definitivamente le Terre del Monviso come destinazione turistica di eccellenza, perchè solo lavorando insieme possiamo essere visibili ed attrattivi per il mercato internazionale, unendo le forze in una promozione globale, che non sarebbe alla portata dei singoli.

Possiamo creare un prodotto di qualità che porti benefici alla collettività ed a tutto il tessuto commerciale del territorio: piccoli produttori, guide turistiche, tour operator, ristoratori, albergatori e ogni attività o individuo che sia disposto a crederci e a dare una mano” scrive Calderoni.

Indispensabile, come lo è stato sin ad ora, sarà l’apporto di Paolo Verri, “l’uomo che ha portato Matera ad essere capitale Europea della Cultura 2019, un manager che in questi anni ci hanno invidiato un po' tutti”, così lo definisce il sindaco Calderoni.

Ni.Ber.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore