/ Eventi

Eventi | 11 novembre 2018, 14:52

Asta Mondiale del Tartufo: l'ultimo lotto va a Hong Kong per 85mila euro - FOTO E VIDEO

Tra Alba, Hong Kong e Matera, rilanci con un unico obiettivo: raccogliere fondi per beneficienza. Al castello di Grinzane Cavour l'evento presentato da Caterina Balivo ed Enzo Iacchetti

Asta Mondiale del Tartufo: l'ultimo lotto va a Hong Kong per 85mila euro - FOTO E VIDEO

L'attesa è finita: sull'asse tra Grinzane Cavour e Hong Kong è in corso la 19a edizione dell'Asta mondiale del Tartufo Bianco d'Alba, condotta dalla presentatrice televisiva Caterina Balivo, affiancata da un habitué come Enzo Iacchetti, che si fregia del titolo di "amico dell’Asta".

Già battuti i primi lotti: ad aggiudicarsi il primo è stato l'imprenditore di Monforte d'Alba Ferruccio Ribezzo, che si è portato a casa il primo esemplare per 5.000 euro.

Il secondo tartufo, per 6.500 euro, è andato invece all'imprenditore e dirigente sportivo varesotto Guido Borghi, figlio di Giovanni Borghi, fondatore della Ignis e titolare della Emerson, che ha ricoperto il ruolo di presidente della Pallacanestro Varese dal 1973 al 1980, e del Varese Calcio dal 1969 al 1978.

 

Nella consueta cornice del del castello di Grinzane Cavour, sede dell’Enoteca Regionale Piemontese Cavour, è quindi arrivato il saluto di Bruno Ceretto, alfiere dei vini delle Langhe nel mondo, recentemente nominato presidente della Fondazione Nuovo Ospedale Alba-Bra: proprio a favore del nosocomio costruito sulla collina di Verduno era rivolto l'appello di Ceretto, accompagnato dall'ironia di Iacchetti: "Per la strada dell'ospedale, possiamo chiamare la Raggi".

Proprio a Ceretto, Borghi e Iacchetti, mattatore dell'evento, cui è stato tributato un lungo applauso, sono andati i tre attestati di benemerenza consegnati dagli organizzatori.

Quindi l'intervento del sindaco di Alba, Maurizio Marello, che ha ringraziato Tomaso Zanoletti, presidente dell'Enoteca Regionale Piemontese Cavour, che - dopo 20 anni - il prossimo anno terminerà la propria esperienza: "Il riconoscimento dell'Unesco al castello di Grinzane è straordinario: è l'unico monumento a cui è stato tributato, nell'ambito dei Paesaggi vitivinicoli di Langhe, Roero e Monferrato. Il profilo del castello è un simbolo del nostro territorio".

La solidarietà ha quindi preso la strada dell'Oriente, con un primo lotto bandito a 36.000 euro, un secondo e un terzo battuti entrambi a 42.000 euro. Il terzo lotto albese, con una trifola da 550 grammi, è stato dunque assegnato a Xin Rong Hi, in sala a Grinzane, per la cifra di 12.600 euro.

Grazie alla consolidata collaborazione tra la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba e la Regione Basilicata, è poi arrivato il collegamento con la Città di Matera, patrimonio dell’Umanità tutelato dall’Unesco, “Capitale Europea della Cultura 2019”.

C'è stato spazio anche per l'Associazione Nazionale Tartufai Italiani, che hanno rivolto un appello al mantenimento del patrimonio boschivo: mentre il tartufo nero è coltivabile, il bianco è un fungo ipogeo che cresce esclusivamente in maniera spontanea, e solo all'ombra di alcune tipologie di alberi vocati alla crescita del tuber magnatum pico.

L'ultimo lotto, infine, per la somma di 85.000 euro, se l'è accaparrato Hong Kong.

 

 

Pietro Ramunno ed Ezio Massucco

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium