/ Economia

Economia | 18 novembre 2018, 16:29

Investire e non rischiare: come funziona il trading online

Un patrimonio da 64,5 miliardi di dollari, è questa la fortuna accumulata da Warren Buffett, uno degli uomini più ricchi del mondo grazie al trading azionario

Investire e non rischiare: come funziona il trading online

Un patrimonio da 64,5 miliardi di dollari, è questa la fortuna accumulata da Warren Buffett, uno degli uomini più ricchi del mondo grazie al trading azionario. Lui è sicuramente uno degli esempi più chiari di quale grande potenza finanziaria si nasconda sui mercati e di quanta ricchezza si possa accumulare se si comprende come muoversi efficacemente al loro interno.

Al giorno d’oggi, in teoria, tutti hanno accesso al potenziale dei mercati, eppure di Warren Buffett ce n’è uno solo, perché? Il trading online offre opportunità gigantesche, ma quello che la gente tende a ignorare è che nasconde anche molte insidie. Solo coloro che si dimostrano in grado di superarle possono aspirare ad incrementare i propri guadagni e generare ingenti fortune.

No, non c’è spazio per i traders della domenica. Per quelli che vogliono far diventare l’investimento finanziario una sorta di hobby. Questo è un campo in cui si fa sul serio, dove si riesce a gestire i rischi di perdita solo se dietro c’è una precisa strategia di trading, che sia comprovata ed efficace.

Il trading: una risorsa per tutti

I tempi in cui per fare trading si necessitava di un broker personale al quale affidare i propri capitali di investimento per cercare di farli crescere, quasi a occhi chiusi, sono finiti. Nel moderno mondo del trading online ognuno può avere il broker che desidera, basta spulciare in rete e scegliere tra i più seri e blasonati marchi del trading online. Come spiegato da OsservatorioFinanza.it, è fondamentale selezionarne uno di questi, in quanto è possibile avere supporto, ed essere sicuri che i propri risparmi non spariscano all’improvviso in quanto si è incappati in una piattaforma di trading poco affidabile.

Quando si parla delle migliori piattaforme online, di sicuro il pensiero ricade subito su Plus500, eToro, AvaTrade, ma queste sono solo alcune delle possibilità, di certo, però, sono i nomi che in fatto di broker cavalcano la cresta dell’onda da anni. Grazie a loro il trading è cresciuto moltissimo nel nostro Paese e le persone che si interessano e che fanno trading sono davvero aumentate in maniera esponenziale negli ultimi anni, generando ottimi rendimenti.

Si può affermare che i mercati, dunque, sono diventati più accessibili a chiunque abbia volontà di intraprendere un’azione, ma questo non significa che l’attività di investimento vada presa alla leggera, anzi, bisogna porre la massima attenzione possibile. Per capire meglio quali sono le motivazioni che devono spingere alla cautela nel trading basterà parlare di mercato azionario.

Come funziona il trading di azioni?

Chi compra azioni e quindi cerca di buttarsi nel campo del trading azionario, in realtà non sta acquistando altro che una piccola parte di una società: le azioni infatti rappresentano la più piccola parte del valore societario.

Quando un’azienda ottiene profitto può scegliere di reinvestirlo oppure di condividere con gli azionisti quel guadagno ottenuto, attraverso i dividendi. Nel trading online però le azioni vengono tradate senza reale interesse nell’andamento aziendale.

Chi sceglie di fare trading in azioni così come nel Forex lo fa perché dovrebbe conoscere bene l’andamento dei mercati rispetto a quella data azienda - e quindi le sue performance - ed è in grado di prevedere rialzi e ribassi sul mercato. Ne trading online di azioni non c’è condivisione dei dividendi.

È questo ciò che abbatte il rischio nel campo del trading online, capacità di prevedere con buona precisione le nuove tendenze che prenderà il mercato. Solo così si può evitare di fare investimenti sbagliati e trasformare quella che era un’opportunità in un incubo nel quale non si fa altro che perdere soldi e gettare al vento la possibilità di profitto.

 

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium