/ Attualità

Attualità | 21 novembre 2018, 11:31

Cuneo è per l'Alta Velocità: "Servirebbe anche per le nostre tratte con Torino e Nizza"

Ieri sera (20 novembre) in consiglio comunale è stato approvato il sostegno della città alla costruzione della TAV: assenti alla discussione i rappresentanti di Lega e MoVimento 5 Stelle

Foto generica

Foto generica

La discussione è avvenuta senza i rappresentanti delle due forze di governo (Lega e MoVimento 5 Stelle), ma l’ordine del giorno presentato dai consiglieri di maggioranza del consiglio comunale di Cuneo ha approvato il proprio sostegno ai lavori di realizzazione della linea ad alta velocità tra Italia e Francia. 

La presa di posizione si è raggiunta nella serata di ieri (martedì 20 novembre) nel corso della seconda seduta del consiglio.

A presentare l’ordine del giorno Luca Pellegrino: “Crediamo sia un’opera fondamentale per nazione e regione, da cui non dobbiamo e non possiamo rimanere tagliati fuori. In questa faccenda serve usare lungimiranza: spesso la Storia ha premiato chi lo ha fatto”.

Dello stesso parere anche Carlo Garavagno e Tiziana Revelli, che hanno sottolineato come l’argomento infrastrutture, carissimo al territorio della Granda per i tanti scenari dubbi e ancora aperti, necessiti di una politica capace di guardare al futuro; il primo ha addirittura auspicato una TAV “anche per la Cuneo-Torino e la Cuneo-Nizza, per rispondere alle giuste e sempre più ampie lamentele dei nostri pendolari”.

Assurdo fare tante parole su un percorso ormai iniziato e molto urgente - ha aggiunto Sara Tomatis, protagonista in prima persona a Torino nelle ultime manifestazioni per il “sì TAV” - , che in altri paesi del mondo, come l’Africa grazie all’interessamento della Cina nel campo delle infrastrutture, è ormai quasi realtà”.

Unica voce nettamente fuori dal coro, e con poca sorpresa, quella di Ugo Sturlese che ha sollevato dubbi non solo sulle previsioni in merito all’aumento dei passaggi transfrontalieri ma anche sull’effettiva strategicità dell’alta velocità, senza poi riservarsi dal punzecchiare i due partiti “del cambiamento”: “Imbarazzante che le forze di governo non si siano ancora espresse con chiarezza”.

simone giraudi

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium