/ Attualità

Attualità | 21 novembre 2018, 15:44

Doppia svolta per l'alberghiero di Mondovì: rimozione delle macerie e monitoraggio costante

Le ruspe della "Sam" di Monchiero sono entrate in azione martedì 20 novembre. Intanto, la Provincia di Cuneo ha affidato a una ditta lombarda la realizzazione di un sistema di monitoraggio dei fabbricati

Doppia svolta per l'alberghiero di Mondovì: rimozione delle macerie e monitoraggio costante

Doppia novità per l'istituto alberghiero "Giolitti" di Mondovì: sono infatti scattati ieri, martedì 20 novembre, i lavori di rimozione delle macerie connesse alla frana che venerdì 29 dicembre 2017 causò il crollo di un fabbricato di servizio e di una scala di sicurezza della scuola e lesionato la sottostante palestra di Metavia.

A svolgerli è la "Sam" di Monchiero, che ha portato sul luogo e messo in funzione nelle scorse ore le sue ruspe.

Contestualmente, come indicato nelle prescrizioni contenute nell'ordinanza di dissequestro dell'area franosa, si rende ora necessario realizzare un sistema di monitoraggio sui fabbricati della zona interessata a seguito dello smottamento presso l'istituto "Giolitti" di Mondovì.

Questa, pertanto, è la seconda novità: la Provincia ha affidato l'incarico alla ditta "Leica Geosystems" di Cornegliano Laudense (Lodi), la quale ha indicato la propria disponibilità ad effettuare l'intervento, prevedendo una spesa di 17mila euro (IVA esclusa), per un esborso complessivo di 20.740 euro, interamente coperti dal maxi contributo da quasi 1 milione di euro erogato dalla Fondazione CRC.

Alessandro Nidi

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium