/ Curiosità

Curiosità | 21 novembre 2018, 16:12

Per il soccorso alpino della Guardia di Finanza di Cuneo la stagione invernale sarà senza Ule

Il cane, un pastore belga malinois, è morto a luglio scorso durante un'esercitazione. Il ricordo di Jody Conti, il suo conduttore per 6 anni

Per il soccorso alpino della Guardia di Finanza di Cuneo la stagione invernale sarà senza Ule

E' Jody Conti a raccontarci di Ule. Tecnico del soccorso alpino della Guardia di Finanza nato a Follonica 38 anni fa, Jody è a Cuneo dal 2010. Dal 2012 Ule è stato il suo compagno in quasi il 90% degli interventi di soccorso effettuati. Ule è morto lo scorso luglio, durante un'esercitazione a Pian del Re. "Ha trovato il figurante come da indicazioni e poi si è accasciato al suolo", ricorda Jody.

"Con la sua morte ho perso la mia ombra", continua Jody, che è rimasto anche lui vittima di un grave incidente, durante un addestramento in parete, poche settimane dopo la morte del suo cane. 

"Ule era mio, l'ho donato alla Finanza quando aveva sei mesi, per poter lavorare con lui. Era un pastore belga malinois, secondo me una razza con caratteristiche molto più adatte al soccorso rispetto ad altre. Siamo subito entrati in sintonia. Il nome l'ho scelto in ricordo di un anziano norvegese che mi aveva dato un passaggio in auto durante un viaggio".

Jody racconta dell'addestramento, di come Ule fosse capace di intervenire in moltissimi scenari diversi. "Con lui ho partecipato ad interventi molto difficili, dove abbiamo recuperato persone decedute, in particolare sotto le valanghe. Lui era sempre con me, sul lavoro e a casa. La sua morte ha lasciato un vuoto enorme e non so, quando rientrerò dall'infortunio, se potrò avere un altro cane". 

"Ma una cosa è certa - conclude Jody. Al Sagf quest'inverno mancherà un aiuto importante. E non sto parlando di me".

Barbara Simonelli

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium