/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | lunedì 26 novembre 2018, 17:01

Caraglio, accusati di aver rubato soldi da una slot-machine: il tribunale li scagiona

I fatti risalgono al marzo 2017, da una macchinetta erano spariti 885 euro

Foto generica

Foto generica

Il responsabile di una sala giochi di Caraglio controllando il contenuto di una slot-machine si era accorto che mancavano 885 euro. I suoi sospetti si erano diretti verso due giocatori che avrebbero avuto atteggiamenti sospetti. L.P. di Mondovì e K.P. di Verzuolo, entrambi di nazionalità albanese, sono stati assolti dall’accusa di furto dal tribunale di Cuneo per non aver commesso il fatto. Il pm aveva chiesto la condanna a 6 mesi di reclusione.

I fatti risalgono al 14 marzo 2017. Secondo la ricostruzione della Procura, stando al racconto del dipendente della sala giochi i due servendosi di un “jammer”, dispositivo magnetico che consente la erogazione del denaro contenuto all’interno delle slot, sarebbero riusciti ad impossessarsi dei soldi. I filmati della videocamera di sorveglianza avrebbe mostrato uno degli imputati compiere dei gesti sospetti.

Come hanno fatto notare le difese, “l’unico puntello probatorio” si basava proprio sulla testimonianza del responsabile dell’esercizio commerciale. Il quale aveva rivisto in sala gli imputati due settimane dopo il presunto furto e li aveva indicati ai carabinieri come sospettati, anche perché non erano clienti abituali.

Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore