/ Attualità

Attualità | 03 dicembre 2018, 11:45

Anche Venasca tra i 2.852 comuni italiani “toccati” dal Censimento permanente delle popolazioni e delle abitazioni

Interessato un “campione” della popolazione. Il sindaco Dovetta: “Un obbligo di legge, ma anche un‘importante opportunità per conoscere meglio il Paese in cui viviamo”

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Dai primi giorni di ottobre  il Comune di Venasca è stato uno dei 2.852 comuni italiani interessati dal Censimento permanente delle popolazioni e delle abitazioni, che ora sta volgendo a conclusione.

L’ultimo era datato 2011, perché si faceva ogni dieci anni.

Da ora il censimento coinvolgerà un campione di comuni ogni anno.

Da quest’anno non sono più state coinvolte tutte le famiglie come in precedenza, ma soltanto un campione: in tutto 1 milione e 400mila famiglie chiamate a partecipare al censimento.

La nuova rilevazione a cadenza annuale è suddivisa in due tipologie: rilevazione aerale, in cui le famiglie contattate dall’Istat sono state censite presso la propria residenza, e rilevazione da lista, in cui le famiglie interessate hanno ricevuto le credenziali di accesso per compilare il questionario tramite internet.

Per offrire un supporto alle persone in difficoltà nella compilazione, l’ufficio anagrafe di Venasca ha istituito un orario di assistenza alla compilazione, con la presenza della rilevatrice incaricata.

Aderire al censimento è un obbligo di legge, ma anche un‘importante opportunità per conoscere meglio il Paese in cui viviamo – commenta il sindaco di Venasca Silvano Dovetta - Esso, infatti, ci restituirà una fotografia in tempo reale, con importanti informazioni a riguardo delle persone che vivono in Italia, la loro suddivisione per cittadinanza, la distinzione tra famiglie tradizionali e “nuove famiglie”, dettagli riguardo al lavoro e allo studio, ai mezzi di trasporto utilizzati ed alle caratteristiche delle abitazioni.

Per questo è importante la volontà e la disponibilità dei cittadini ad aderire alle richieste dell’Istat.

Colgo l’occasione per ringraziare gli uffici comunali e la rilevatrice incaricata per l’ottimo lavoro svolto, con disponibilità e capacità di mettersi in ascolto e supportare le persone nell’espletamento delle procedure richieste”.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium