/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | giovedì 06 dicembre 2018, 19:47

Alberghiero di Mondovì: si chiude con una fumata nera l'incontro al MIUR

Nella mattinata di oggi, giovedì 6 dicembre, la preside Donatella Garello, accompagnata dal sindaco Paolo Adriano e dal presidente provinciale Federico Borgna, ha incontrato il sottosegretario Salvatore Giuliano per individuare una soluzione, ma quella agognata dal "Giolitti" (il recupero del fabbricato lambito dalla frana) è stata bocciata

Alberghiero di Mondovì: si chiude con una fumata nera l'incontro al MIUR

Fumata nera: attingendo dal gergo ecclesiastico tipico del conclave, può essere riassunto in questi soli due vocaboli l'esito della riunione andata in scena nella mattinata di oggi, giovedì 6 dicembre, a Roma presso la sede del MIUR e che ha visto protagonisti la preside dell'alberghiero di Mondovì, Donatella Garello, accompagnata nella città eterna dal sindaco Paolo Adriano e dal presidente provinciale Federico Borgna, e il sottosegretario Salvatore Giuliano.

Un rendez-vous cercato e ottenuto proprio da Donatella Garello, recatasi all'ombra del Colosseo per chiedere di valutare la programmazione triennale dell'edilizia scolastica regionale al fine di inserire il ripristino del fabbricato annesso all'istituto, quello delle aule, sostanzialmente, indispensabile per ristabilire un minimo d'organizzazione.

Proprio la preside ci ha comunicato la propria insoddisfazione circa il meeting odierno: "Ho voluto fortemente questo incontro a Roma, che è stato possibile grazie alla personale amicizia con il sottosegretario, per ricercare una soluzione per l'alberghiero che dopo un anno ancora attendiamo - ha affermato -. Infatti, pare evidente che l'ipotesi della nuova scuola all'Altipiano non sia adatta per l'alberghiero, in quanto troppo piccola. Per questo, insieme al personale docente e non docente della scuola, sosteniamo che l'unica soluzione praticabile sia il recupero del fabbricato lambito dalla frana, ripristinando quindi la situazione precedente all'evento".

Tuttavia, "tale soluzione, purtroppo, non ha raccolto la disponibilità della Provincia, che in qualità di ente competente sull'edilizia scolastica intende procedere con la costruzione di una nuova scuola comunque non finalizzata ad ospitare l'alberghiero. Ahimè, quindi, la riunione di oggi non ha dato il risultato auspicato e i problemi dell'alberghiero rimarranno purtroppo irrisolti".

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore