/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | giovedì 06 dicembre 2018, 13:16

Fondo per la messa in sicurezza dei comuni montani, accolta la proposta di UNCEM: "Sindaci e territori vogliono altre risposte"

Marco Bussone: "Aver eliminato la stesura del bilancio consolidato per i Comuni con meno di 5mila abitanti è residuale rispetto alle grandi necessità degli Enti locali"

Foto generica

Foto generica

"Nella legge di bilancio, la montagna e i Comuni chiedono di più al Parlamento. Nel ddl, dopo i lavori della Commissione, c'è poco di quanto avevamo chiesto. Mi riferisco in particolare alla richiesta di implementazione del fondo montagna, all'estensione del fondo Comuni di confine a tutte le Regioni alpine, all'aumento dell'attuale dotazione del fondo collegato alla legge sui piccoli Comuni. Oltre naturalmente alle misure sulla defiscalizzazione dei territori montani, delle imprese green. Senza contare la necessità, l'urgenza, di agire nella legge sulle concessioni autostradali dando valore al territorio attraversato dalle opere".

Così Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem, in merito alla legge di bilancio in esame alla Camera.

"Aver eliminato la stesura del bilancio consolidato per i Comuni con meno di 5mila abitanti è residuale rispetto alle grandi necessità degli Enti locali e in particolare quelli delle aree alpine e appenniniche. Positivo l'inserimento nel testo della legge, come proposto da Uncem, dell'articolo 16-bis che assegna ai Comuni, per il periodo 2021-2033, contributi per la realizzazione di opere pubbliche per la messa in sicurezza degli edifici e del territorio, 250 milioni di euro annui dal 2021 al 2025, 400 milioni per il 2026, 400 milioni annui dal 2027 al 2032 e 500 milioni per il 2033, a valere sul fondo per gli investimenti degli enti territoriali. Riproporremo tutti gli emendamenti Uncem al Senato. Con l'auspicio che possa esserci un maggiore ascolto del sistema dei Comuni".

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore