/ Cronaca

Cronaca | 11 dicembre 2018, 10:50

Continuano le indagini sulla tragica morte di Luca Cadorin: disposta l'autopsia sul corpo del 42enne saluzzese

E' stato ucciso dal padre nel pomeriggio di ieri 10 dicembre. L'uomo si trova ora in una struttura protetta su decisione della Procura di Cuneo

Gli inquirenti, ieri sera, a Saluzzo

Gli inquirenti, ieri sera, a Saluzzo

Verranno disposti ulteriori accertamenti tecnici su quanto accaduto ieri a Saluzzo, in una palazzina di via Maccallè, dove Luigi Cadorin ha ucciso il figlio Luca, 42enne disabile. Un probabile momento di raptus e di esasperazione, al culmine di un disagio che si trascinava da tempo, come spiegano gli inquirenti.

Il ragazzo è stato trovato morto nell’edificio storico a pochi passi dal municipio di Saluzzo. E' stato lo stesso padre a chiamare le forze dell'ordine e a costituirsi. Sentito a lungo dal pm Attilio Offman, è stato trasferito in una struttura protetta fuori provincia. 

Ancora non c'è totale chiarezza sull'oggetto con il quale il padre 72enne ha colpito il figlio. Il corpo di Luca Cadorin si trova ora nelle camere mortuarie dell'ospedale di Saluzzo, a disposizione della Magistratura, che avrebbe già disposto l'esame autoptico.

La città di Saluzzo, dove la famiglia Cadorin è conosciutissima, è rimasta sconvolta da quanto accaduto. Sulla vicenda è intervenuto anche il vescovo Cristiano Bodo, dalla sua pagina Facebook, ha invitato tutti a pregare e, soprattutto, a non giudicare.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium