/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | giovedì 13 dicembre 2018, 14:46

Sport a scuola: sperimentazione albese diventa modello didattico validato dal Ministero

Importante riconoscimento nazionale per "Joy of Moving", progetto di ricerca avviato avviato nel 2011 sui campi del centro sportivo "Boblingen" nell’ambito delle azioni di responsabilità sociale targate Ferrero

Il gruppo di allievi della Media Vida posano con le autorità intervenute alla presentazione

Il gruppo di allievi della Media Vida posano con le autorità intervenute alla presentazione

Fare attività fisica non migliora solamente il benessere del nostro organismo, ma migliora notevolmente le nostre capacità intellettive e di apprendimento.
E’ questo il presupposto al centro di "Joy of Moving", metodologia sportiva ideata dalla docente Caterina Pesce, professore associato dell’Università Foro Italico di Roma, e ormai da alcuni anni entrata a far parte del ricco novero di azioni di responsabilità sociale sostenute in diversi anni dalla Ferrero Spa sotto il cappello del progetto Kinder +Sport.

Partita nel 2011 con la nascita del Village +Sport presso il centro sportivo "Boblingen" del quartiere Piave ad Alba, dopo tre anni di sperimentazione e ricerca col coinvolgimento di bambini e ragazze delle scuole d’infanzia e primarie albesi questa innovativa metodologia che coniuga sport e gioco ha dimostrato con dati validati da un comitato scientifico internazionale di essere "efficace per lo sviluppo motorio, cognitivo, emozionale e sociale dei bambini", traducendo evidenze scientifiche in buone prassi replicabili.

Da quel primo step il modello ludico-educativo è divenuto un manuale per la didattica, curato dalla stessa docente, mentre alla conoscenza e diffusione di "Joy of Moving" Ferrero ha assicurato una platea di livello internazionale riservando al progetto il proprio grande spazio all’interno di Expo Milano, visitato durante l’esposizione del 2015 da qualcosa come 230mila persone.

Quel successo ha portato al proseguimento della collaborazione tra le istituzioni sin da subito coinvolte nell’iniziativa, con la firma – nel dicembre 2015 – di una nuova convenzione tra Ferrero Spa, Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca, e Comitato Olimpico Nazionale Italiano, per lo sviluppo di buone pratiche per l’educazione ai corretti stili di vita nelle scuole.
Da lì la sperimentazione che dall’anno scolastico 2016-2017 ha coinvolto diversi istituti cittadini in un’esperienza che ora, dopo la fase di validazione, ha promosso il modello della dottoressa Pesce tra gli strumenti educativi accreditati dallo stesso Ministero per la pratica nelle scuole dell’infanzia e primarie italiane.

L’importante riconoscimento ha portato ora alla firma di una nuova intesa che coinvolge l’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte, il Comitato regionale del Coni, il Consiglio Regionale, la Città di Alba e la Soremartec Srl, la società di ricerca e sviluppo del gruppo Ferrero.

Con l’accordo si rinnova anche la collaborazione tra Ferrero Spa e Comune di Alba per la gestione del "Village" di Alba, che intanto viene formalmente riconosciuto come "laboratorio permanente di sperimentazione e di ricerca".
Dal 2011 a oggi, grazie al lavoro di undici qualificati allenatori, il centro di via Teodoro Bubbio – a poca distanza dagli stabilimenti Ferrero e dal centro ricerche della multinazionale albese – è diventato una realtà di primo piano per la pratica sportiva in città, frequentato settimanalmente da una media di 3mila persone.

La novità è stata presentata questa mattina in municipio ad Alba, con un incontro al quale hanno partecipato il sindaco Maurizio Marello, il consigliere comunale delegato allo Sport Claudio Tibaldi, il vicedirettore dell’Ufficio Scolastico Regionale Giuseppe Bordonaro, il presidente del Coni Piemonte Gianfranco Porqueddu, il direttore dell’Unità Nutrizione e Sostenibilità di Soremartec Srl Roberto Menta e il responsabile del progetto internazionale Kinder+Sport Joy of Moving Gianpiero Vietto. Insieme a loro la classe 1ª C della Scuola Media "Vida" di Alba, partecipante al progetto, insieme alle insegnanti e al dirigente scolastico Gabriella Benzi.

Ezio Massucco

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore