/ Attualità

Attualità | 19 dicembre 2018, 13:00

Verzuolo, nuovo Itis in collina vicino all’Agraria? 200 firme chiedono al sindaco di approfondire il tema

Consegnata ieri la richiesta di un incontro pubblico. Sulla stessa linea insegnanti e personale dell’Agraria: sostegno al documento della dirigente Germini già nelle mani dell’Amministrazione provinciale. In rilievo le perplessità sulla scelta progettuale ipotizzata

Istituto Agrario di Verzuolo

Istituto Agrario di Verzuolo

Ieri mattina (martedì 18 dicembre) Aldo Galliano e Carlo Antonio Panero hanno consegnato al sindaco Gian Carlo Panero la lettera che accompagna il documento petizione, firmato da 200 cittadini, in cui sono state sottoscritte le osservazioni contenute in un precedente documento del “Comitato Itis-Agraria parliamone!”, nel quale sono evidenziate le perplessità e le criticità per il progetto di realizzare il nuovo ITIS sulla collina, dove sorge la scuola Agraria.

La lettera sottolinea l’importanza di trovare al più presto una soluzione definitiva all’ITIS di Verzuolo, ora provvisoriamente sistemato nell’edificio delle Scuole medie, sostenendo l’urgenza “di tale obiettivo (da realizzarsi) ai costi giusti, (si stima un investimento di 5milioni di euro) e minimizzando gli effetti collaterali negativi”.

Nel documento si contrappone il fatto che la scelta effettuata “non condivisa, viene giudicata più difficile e quindi più lunga rispetto ad altre soluzioni”.

Al primo cittadino si chiede un dibattito pubblico, dopo la pausa natalizia, sullo specifico tema, con la presenza della Provincia, Ente di cui è competenza la realizzazione dell’edificio.

Anche la Scuola Agraria, con insegnanti ed il personale Ata, è sulla stessa linea, sostenendo il documento predisposto dalla dirigente scolastica Antonella Germini, consegnato all’Amministrazione provinciale il 6 novembre scorso, in cui si evidenziano le molteplici criticità connesse alla costruzione di tale edificio sulla sommità della collina.

Nell’ottica di una collaborazione costruttiva chiede di dar vita a momenti di approfondimento dei vari problemi sollevati, valorizzando così le esperienze e competenze presenti nell’Istituto agrario di Verzuolo che ha oltre 50 anni di attività.

L’analisi della dirigente pone in rilievo problematiche relative a viabilità, alla carenza di parcheggi, porta l’attenzione sulla zona classificata a rischio idrogeologico, l’ impatto ambientale e paesaggistico e cita anche problematiche propriamente scolastiche di integrazione tra allievi di istituti diversi.

 

Vilma Brignone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium