/ Attualità

Attualità | 20 dicembre 2018, 18:33

"Aboliamo il divieto della vergogna": venerdi 28 dicembre operazione tir-lumaca in Val Roya (VIDEO)

Alle 6.30 nel tratto ligure è previsto un concentramento di mezzi pesanti in frazione Trucco di Ventimiglia fino al confine italiano di Fanghetto per poi fare un anello e tornare indietro

"Aboliamo il divieto della vergogna": venerdi 28 dicembre operazione tir-lumaca in Val Roya (VIDEO)

Contro il "divieto della vergogna" in Val Roya, gli autotrasportatori italiani risponderanno con l'operazione tir-lumaca.

Il movimento di protesta è stato organizzato per venerdì 28 dicembre e coinvolgerà i  trasportatori dell’AstraCuneo lungo la SS 20 e la RD6204 della Valle Roya.

Inizierà la mattina presto, alle 6.30, e riguarderà solo la parte italiana. È previsto un concentramento di mezzi pesanti in frazione Trucco di Ventimiglia fino al confine italiano di Fanghetto per poi fare un anello e tornare indietro.

"È una azione dimostrativa per far sentire la nostra voce - ha dichiarato il segretario di Astra Cuneo Guido Rossi -. Ci spiace se creeremo disagi ai cittadini ma dobbiamo protestare per questo enorme disagio".

"La manifestazione deve creare disagi - rivendica invece Aldo Caranta di Confartigianato -. La nostra provincia ha bisogno di questo passaggio internazionale, siamo una provincia che esporta".

La protesta dei tir lumaca è un'iniziativa concordata con le forze dell'ordine.

"Cinque sindaci francesi hanno messo divieto in strada internazionale senza chiedere permesso a nessuno - lamenta il presidente di Astra Diego Pasero -. La sospensione dura da 18 mesi. Troppi. Con un danno ingente".

L'azienda Pallanca in frazione Trucco è il simbolo di questo divieto assurdo. Devono portare materiali a Robilante e non possono passare.

Guido Rossi poi lamenta il poco peso dell'Italia: "Da quando ė stato istituito il divieto ci sono state tre conferenze intergovernativa e mai è stato trattato questo problema. Sempre per colpa dei soggetti italiani. La componente italiana di quel tavolo è debole e non riesce a contrapporsi a quello che è un atto ostile e non concordato da parte dei francesi". 

E conclude: "In questa battaglia siamo isolati come autotrasportatori. I sindaci liguri si sono schierati immediatamente. Quelli cuneesi no".

Cristina Mazzariello

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium