/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 29 dicembre 2018, 11:30

#controcorrente: siamo proprio sicuri che il Governo Lega-5 Stelle tolga il raddoppio dell’aliquota Ires al volontariato?

Il presidente del Consiglio, Conte, e i vicepremier, Salvini e Di Maio, sarebbero intenzionati a porre rimedio alla misura prevista dalla Legge di Bilancio con un provvedimento ad hoc a gennaio. Però in Italia, di solito, non c’è nulla di più definitivo delle norme che i politici chiamano provvisorie

#controcorrente: siamo proprio sicuri che il Governo Lega-5 Stelle tolga il raddoppio dell’aliquota Ires al volontariato?

Il primo articolo della Costituzione dice: L’Italia e una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”. A quasi 71 anni dall’entrata in vigore (il 1º gennaio 1948), con i tempi che corrono, bisognerebbe cambiarlo in “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul volontariato”.

Nel nostro Paese ci sono migliaia e migliaia di persone le quali, nei più svariati settori, dedicano il tempo libero a chi ha bisogno di aiuto oppure offrono la loro esperienza per seminare gratuitamente valori, cultura, educazione. Ed è questa l’Italia più bella, più vera, più ricca di amore verso gli altri.

Sono volontari gli operatori della Protezione civile, della Croce Rossa e di tutti gli organismi di assistenza e di soccorso sempre pronti a intervenire in ogni situazione di emergenza, ma anche nello scorrere della vita quotidiana. 

Sono volontari le donne e gli uomini delle Associazioni che aiutano chi è in stato di povertà, i migranti o quanti devono affrontare una malattia, una disabilità o l’avanzare degli anni.

Sono volontari i dirigenti e i tecnici delle piccole società sportive quando insegnano il rispetto dell’avversario e delle regole: primo passo per far germogliare nei giovani il seme dell’educazione civica.

Sono volontari gli assistenti degli oratori parrocchiali: altra fucina di buone pratiche. Sono volontari quanti diffondono la conoscenza e le tradizioni attraverso spettacoli, sagre, iniziative e progetti senza attendersi ricompense.

Enti e persone che forniscono servizi sostituendosi, spesso, alle inefficienze delle Istituzioni.

Eppure a questo volontariato organizzato religioso e laico (in Italia, 6.220 tra Enti, Istituti e Associazioni) il governo Lega-5 Stelle del cambiamento vorrebbe raddoppiare dal 12 al 24% l’aliquota dell’imposta Ires: provvedimento che, nel 2019, significherebbe un aumento della tassa corrispondente a 118 milioni di euro da versare in più. Molte organizzazioni impegnate nel settore hanno protestato con forza, sottolineando come le eventuali risorse disponibili vengano sempre reinvestite in nuovi percorsi di solidarietà. Ma se lo Stato gliene togliesse una parte consistente non potrebbero realizzare altri progetti per i bisognosi.

Il presidente del Consiglio, Conte, e i due vicepremier, Salvini e Di Maio, parrebbero aver cambiato idea. Affermando che a gennaio, con un provvedimento ad hoc, avrebbero riportato la situazione a come era prima.

Ma ne siamo proprio sicuri? Nel nostro Paese, infatti, non c’è nulla di più definitivo delle norme che i politici chiamano provvisorie.     

#controcorrente

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore