/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 02 gennaio 2019, 19:30

Massimo Vacchetta, l'uomo che cura i ricci, presenta ad Alba la sua ultima fatica editoriale

Appuntamento sabato alla Bookeria di via Paruzza. Intanto sono oltre 100 gli animali in degenza nel centro fondato a Novello dal veterinario, che denuncia gli effetti sull’ambiente del riscaldamento globale e lancia un appello: "Aiutateci a salvare i nostri ospiti"

Il veterinario Massimo Vacchetta, fondatore della struttura di Novello

Il veterinario Massimo Vacchetta, fondatore della struttura di Novello

Davanti a un caffè, un tè o a un cappuccino, sabato 5 gennaio, dalle ore 18, alla Bookeria di Alba (via Paruzza 8) si potrà incontrare il veterinario Massimo Vacchetta e ascoltare le sue storie che raccontano di ricci, di natura, di speranza, di amore e di vite che si intrecciano al Centro "La Ninna" di Novello.

Oltre 250 ricci salvati, curati e rimessi in libertà ogni anno, una cinquantina di animali con disabilità permanente assistiti garantendo loro vita e dignità, un libro, "25 grammi di felicità", che è già un best seller tradotto in 12 lingue e uno, "Cuore di riccio", che, a sei giorni dall’uscita, era già in ristampa. Una onlus che sta nascendo e diversi ettari incontaminati in Alta Langa a dare forma a un sogno. Questo è il centro ricci di Novello, che oggi ospita 110 ricci in degenza.

In questo autunno e inverno anomali, infatti, sono stati moltissimi gli animali soccorsi e portati al centro "La Ninna", dove hanno trovato cure, cibo e speranze di crescita equilibrata, per poter poi tornare alla vita libera in primavera.

L’invito del dottor Vacchetta è colmo di calore ed energia: “Venite, incontriamoci per parlare di ciò che possiamo fare, insieme, per salvaguardare la Terra. Questo è un impegno che ci riguarda tutti, un dovere verso noi stessi e le nuove generazioni. Noi curiamo i ricci feriti, investiti, mutilati dai decespugliatori, quelli che, a causa del riscaldamento globale, nascono innaturalmente a settembre e quindi, quando giunge l’inverno, non hanno accumulato un peso sufficiente ad affrontare il letargo. L’aumento delle temperature fa sì che il loro letargo poi non sia continuo e profondo, ma che si sveglino spesso, consumando energie, senza poi trovare insetti sufficienti a sfamarsi, ma solo lumaconi, che gli trasmettono parassiti. Abbiamo oltre 110 ricci in degenza e stiamo ultimando i lavori per accogliere tutti quelli che hanno bisogno, per dare loro cure e un posto sicuro dove trascorrere i mesi freddi, prima di tornare alla libertà, in primavera. Presto apriremo le iscrizioni per un nuovo corso, gratuito, per diventare volontario e imparare come si soccorre un riccio”.

Il veterinario continua: “Per noi è un grandissimo sforzo, perché siamo in pochi e con risorse limitate. L'unico aiuto che riceviamo sono le donazioni private e i proventi dei libri. Comprateli, regalateli, metteteli nella calza della Befana. Salvare un animale significa salvaguardare un ecosistema complesso. Di cui facciamo parte anche noi!”.

PER EFFETTUARE UNA DONAZIONE

- bonifico a Centro recupero ricci La Ninna, IBAN: IT15G0853027220000420163502, BIC per donazioni estere: ICRAITRREQ0;


- donazione tramite Paypal ninnaeisuoiamici@libero.it;

- donazione Teaming https://www.teaming.net/centrorecuperoriccilaninna.

Il Centro Recupero Ricci La Ninna accetta donazioni ma sollecita anche le adozioni a distanza, per le quali si può scrivere alla mail ninnaeisuoiamici@libero.it. In questo caso verrà fornita una scheda e una foto del riccio adottato e notizie costanti sul suo stato di salute. Una soluzione ideale per scolaresche e bambini.

UN BEST SELLER TRADOTTO IN DODICI LINGUE
Massimo Vacchetta vive a Novello, in provincia di Cuneo. Per oltre vent’anni ha esercitato la libera professione di veterinario nel settore dei bovini. Nel 2014 ha aperto il Centro Recupero Ricci "La Ninna". Insieme ad Antonella Tomaselli ha scritto "25 grammi di felicità", diventato un bestseller grazie al passaparola ed è stato venduto in America, Inghilterra, Francia, Germania, Giappone e molti altri Paesi e tradotto in 12 lingue. Ha portato il suo messaggio di attenzione per la natura attraverso i media di tutto il mondo.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium