/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 08 gennaio 2019, 13:06

19enne di Lagnasco ricoverata all'ospedale Sant'Antonio di Padova per meningite

Il 6 gennaio scorso il ricovero. La ragazza vive nella città veneta, dove frequenta l'università. Sottoposti a profilassi i genitori della ragazza e i suoi "contatti stretti". La dottoressa Gottardello: "La giovane sta meglio e sta rispondendo bene alla terapia"

19enne di Lagnasco ricoverata all'ospedale Sant'Antonio di Padova per meningite

La notizia è stata diffusa dai quotidiani della città di Padova, dove si trova ricoverata - nella Terapia Intensiva dell'Ospedale Sant'Antonio - una ragazza di 19 anni, per Meningite da Meningococco. La ragazza è di Lagnasco ma è domiciliata nella città venetà, dove frequenta l'università.

Non sarebbe, comunque, in pericolo di vita e le sue condizioni starebbero migliorando, come conferma la dottoressa Lorena Gottardello, dirigente presso il Dipartimento di prevenzione Igiene e Sanità pubblica dell'U.L.S.S. 16 di Padova. "La ragazza sta rispondendo bene alla terapia", ci ha detto al telefono.

La ragazza avrebbe manifestato i primi sintomi il 6 gennaio: febbre elevata, cefalea, vomito, diarrea. Fino al 31 dicembre è stata a Lagnasco, in famiglia. Il Capodanno lo ha passato con alcuni amici a Venezia. Poi ha frequentato diverse aule studio della città. "E' impossibile stabilire l'origine del contagio, ma abbiamo attivato tutte le procedure necessarie", continua la dottoressa.

Le persone che hanno avuto contatti stretti con la 19enne, infatti, sono stati rintracciati e sottoposti a profilassi. Tra questi, i genitori della giovane, i compagni di appartamento e le persone che le hanno prestato i primi soccorsi sanitari, prima dell'accertamento del contagio da Meningococco.

Ci sono poi i tanti con cui sarebbe entrata in contatto, anche se non in modo diretto e stretto. Ancora la dottoressa Gottardello: "Nessuna profilassi per loro. Stiamo dando informazioni e abbiamo attivato quella che viene tecnicamente chiamata sorveglianza sanitaria. Nessun allarme, in queste situazioni servono prudenza e cautela". 

Bsimonelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium