/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 08 gennaio 2019, 15:03

Cuneo: in due a processo accusati di aver picchiato e minacciato un ventenne

Il fatto avvenne nell’agosto 2017 presso un bar in corso Nizza

Foto generica

Foto generica

Gli  aveva fatto notare che teneva la musica del cellulare amplificata da un altoparlante bluethoot troppo alta e disturbava gli anziani avventori. A.L.C., 23 anni,  lo aveva prima atterrato con uno schiaffo in faccia, poi aveva continuato a colpirlo con calci e pugni, fino a fargli perdere conoscenza. E’ quanto un ventenne di origine rumena ha raccontato questa mattina in tribunale dove si sta celebrando il processo a carico di un  connazionale accusato di lesioni personali.

L’episodio risale al 12 agosto 2017. Il giovane si trovava in un bar in corso Nizza a  Cuneo quando vide entrare un gruppo di rumeni, già ubriachi: “Mai avuto nessun tipo di confidenza con loro”, ha spiegato davanti al giudice. “Sono in Italia da 11 anni, non ho mai voluto avere guai”. Il ragazzo, costituito parte civile, nell’aggressione aveva riportato un trauma facciale con una prognosi di 30 giorni.

Il giorno dopo la vittima era tornato nello stesso bar. E lì lo aveva avvicinato C.O., 50 anni, zio di A.L.C..: “Mi disse che dovevo ritirare la denuncia contro il nipote, altrimenti avevo 24 ore di tempo per lasciare Cuneo e non farmi più vedere”. L’uomo è coimputato con l’accusa di minacce.

La proprietaria del bar e un  avventore hanno confermato il racconto della vittima: “E’ stato picchiato senza un motivo”. Sia i testi che il ragazzo avevano riconosciuto i due imputati dalle foto che i carabinieri gli avevano mostrato in caserma.

L’udienza è stata rinviata il 5 marzo per la discussione.

Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore