/ Attualità

Attualità | 15 gennaio 2019, 12:14

Autostrada Torino-Savona: scatta il conto alla rovescia per gli autogrill

Nelle prossime ore i gestori dovrebbero riconsegnare le chiavi ai vertici della società autostradale e chiudere le aree

Foto generica

Foto generica

È fissata per le prossime ore - al massimo entro giovedì 17 gennaio - la riconsegna delle chiavi delle aree di sosta presenti sull’autostrada Torino-Savona, finite sotto la mannaia del decreto ministeriale che prevede saracinesche abbassate per cinque distributori e bar, presenti sulla tratta autostradale che fa capo a Gavio.

Siamo quindi alle battute finali di una lunga storia iniziata con il decreto interministeriale del 2015, ed il cui apice si è avuto nel mese di marzo dell’anno scorso con la lettera con oggetto “Chiusura dell’area di Servizio”, inviata ai gestori di cinque aree su undici presenti sulla A6.

Ma, al di là di coloro che hanno accettato di buon grado di chiudere anche prima del termine ultimo - sono due, un’area a Carmagnola e l’altra a Carcare, in Liguria - e di qualche distributore che da qualche giorno non ha più carburante perché sono venuti a mancare i rifornimenti, la diatriba tra gestori e società autostradali, si preannuncia ancora lunga e non senza colpi di scena, anche a suon di diffide da parte degli avvocati di chi si ritroverebbe in mezzo ad una strada, senza più un lavoro che svolge ormai da decine di anni.

E con loro almeno una cinquantina di lavoratori. Una firma, una riconsegna dei locali vuoti e delle chiavi che - se avverrà - non sarà senza deroghe, lettere firmate dai legali e proteste di lavoratori e gestori che faranno di tutto per tutelare un lavoro che spesso ha significato tutta una vita passata dietro il banco a fare caffè e vendere prodotti locali, per una vetrina del territorio della Granda, che non ha uguali.

E di fronte al diniego di chiudere i locali, la società autostradale eseguirà lo sfratto a persone, a famiglie, che hanno lavorato regolarmente e con successo per anni, pagando con puntualità? La disputa non solo non è ancora finita ma si preve ancora molto battagliera.

Na.Mur.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium