/ Attualità

Attualità | 20 gennaio 2019, 18:35

"Terezìn: la fortezza della resistenza non armata": incontro a Chiusa Pesio

Venerdì 25 gennaio alle 21 in biblioteca. Guida l’incontro nella conoscenza di Terezín Maria Teresa Milano, dottore di ricerca in Ebraistica, traduttrice, autrice e formatrice

Maria Teresa Milano

Maria Teresa Milano

"Terezìn: la fortezza della resistenza non armata". E' il titolo dell'incontro che si terrà venerdì 25 gennaio alle 21 nella biblioteca civica Ezio Alberione di Chiusa Pesio con Maria Teresa Milano.

L'appuntamento è organizzato in occasione della Giornata della Memoria da parte dell'amministrazione comunale di Chiusa Pesio in collaborazione con la biblioteca civica e "La fabbrica dei suoni". L'incontro è ad ingresso gratuito. 

Il 10 ottobre 1941, nel corso della Conferenza di Praga voluta da Reinhard Heydrich, Reichsprotektor di Boemia e Moravia, i nazisti istituiscono il ghetto di Terezín, che con il tempo verrà a costituirsi quale «laboratorio diabolico» a servizio della propaganda di regime. Nei quattro anni di funzionamento vengono internate circa 140.000 persone, tra loro 15.000 bambini. Al momento della liberazione gli adulti sopravvissuti sono 3800, i bambini 142. Nel «ghetto modello» creato dai nazisti si tengono 2430 conferenze, 600 spettacoli teatrali e musicali e si allestiscono i laboratori d’arte per bambini. Leggere l’universo Terezín, definito «fucina di cultura» da Chaim Potok, significa conoscere una realtà di fame, violenza, morte e orrore, ma soprattutto riscoprire la forza vitale della dignità umana, della cultura come valore, dell’educazione come responsabilità.

Guida l’incontro nella conoscenza di Terezín Maria Teresa Milano, dottore di ricerca in Ebraistica, traduttrice, autrice e formatrice. Crea e conduce progetti su storia, cultura e musica ebraica per conto di scuole e istituzioni. Cura la rubrica «In ascolto» per Pagine Ebraiche – Moked. È docente di ebraico presso lo Studio Teologico Interdiocesano di Fossano e tiene corsi di lingua e di cultura ebraica. All’attività di ricerca affianca quella artistica come cantante nel gruppo klezmer Mishkalé, con cui ha prodotto Shtetl (recital e disco).

Alla fine dell'incontro sarà possibile visitare la mostra "Sterminio in Europa. Perché ricordare". Dal 15 gennaio al 3 febbraio 2019 con orario di biblioteca, e apertura straordinaria domenica 27 gennaio.

Una mostra in 40 pannelli preparata dall’ANED già negli anni ’70 e periodicamente aggiornata e arricchita. Le immagini e i testi raccolti raccontano il periodo 1933-1945, l’inizio dei totalitarismi e le leggi razziali. Un ammonimento per le generazioni future affinchè ciò che è successo non si debba ripetere mai più.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium