/ Attualità

Attualità | 21 gennaio 2019, 17:54

Fusione Alstom-Siemens, Ambroggio convoca tutte le forze politiche del territorio: "Ci vuole linea congiunta"

L'incontro è convocato per lunedì 4 febbraio alle ore 10 in comune

Fusione Alstom-Siemens, Ambroggio convoca tutte le forze politiche del territorio: "Ci vuole linea congiunta"

Entra nel vivo la trattativa sulla fusione Alstom-Siemens su cui entro il 18 febbraio la commissione dovrà pronunciarsi. Un maxi-merging che potrebbe portare a un colosso del trasporto su ferro pronto a fare concorrenza alla società cinese numero uno al mondo Crrc.

Questo potrebbe però minare la concorrenza interna dell’Unione Europea. 27 paesi hanno chiesto alle due società di avanzare delle ipotesi per “alleggerire” l’impatto del colosso sull’economia europea. Tra i rimedi (remedies) per ottenere l’ok ci sarebbe il prodotto ad altissima velocità della Siemens il “Velaro”. Ma si è anche parlato di un’eventuale cessione del Pendolino, fiore all’occhiello dello stabilimento di Savigliano che coinvolgerebbe 400 dipendenti europei, la metà operanti nell’azienda di via Ottavio Moreno. Ipotesi che sembra essere stata “scartata” nel corso dell’ultimo Cae di Parigi e dell’incontro in Assolombarda.

Ciononostante il sindaco di Savigliano Giulio Ambroggio ha espresso forti preoccupazioni circa le sorti del pendolino. Dopo l’incontro avvenuto la scorsa settimana con la dirigenza aziendale e questa mattina con i lavoratori e le segreterie sindacali dell’azienda, Ambroggio ha convocato per lunedì 4 febbraio alle 10 un incontro con i parlamentari e gli amministratori cuneesi presso il municipio saviglianese.

La lettera è stata inviata a Giorgio Bergesio, Monica Ciaburro, Enrico Costa, Fabiana Dadone, Flavio Gastaldi, Chiara Gribaudo, Guido Crosetto, Mino Taricco, Marco Perosino, all’europarlamentare Alberto Cirio, al governatore Sergio Chiamparino, ad esponenti della Regione (Francesco Balocco, Giovanna Pentenero, Alberto Valmaggia, Franco Graglia, Gianna Gancia, Maria Carla Chiapello, Mauro Campo e Paolo Allemano) e della provincia (Federico Borgna e Alberto Simone).

“Riteniamo fondamentale un incontro con le forze politiche del territorio per costruire una linea di condotta congiunta finalizzata ad un intervento comune nei confronti della proprietà.”
Si legge nelle nota del primo cittadino di Savigliano.

Intanto lunedì 28 febbraio i sindacati avranno un incontro sul tema al Ministero dello sviluppo economico. Convocate anche i maggiori committenti italiani Trenitalia e Italo.

Daniele Caponnetto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium