/ Curiosità

Che tempo fa

Cerca nel web

Curiosità | 22 gennaio 2019, 16:29

416 opere dell'artista Giuseppina Matis Albezzano donate alla Diocesi di Cuneo

La donna, pittrice e incisore, vive e lavora a Madonna dell’Olmo. Le opere andranno alle scuole Andrea Fiore e a marzo verrà realizzata una mostra in Provincia

L'artista e alcune delle opere donate

L'artista e alcune delle opere donate

L'artista Giuseppina Matis Albezzano ha donato 416 opere d'arte alla Diocesi di Cuneo. La donazione è stata fatta a scopo didattico "perchè il disegno ritorni ad essere valorizzato dai giovani".

Si tratta di: 205 disegni eseguiti all’Accademia Albertina di Torino negli anni 1986/1990; 214 disegni eseguiti all’Accademia di Belle Arti - Cuneo negli anni 2006/2008; 35 calcografie manuali; 27 matrici di zinco (tecniche: acquaforte, acquatinta e punta secca); 6 clichè su matrici di linoleum; 2 matrici su legno più 3 matrici complementari (in linoleum) per il colore; 25 tele di diverse dimensioni.

Giuseppina Matis Albezzano è nata a Isola d’Asti ma vive e lavora a Madonna dell’Olmo. È pittrice e incisore. Ha frequentato la scuola libera del nudo all’Accademia Albertina di Torino avendo come maestro Vincenzo Gatti e l’Accademia di Belle Arti di Cuneo. Ha partecipato a diverse mostre e manifestazioni artistiche. Espone dal 1975 in collettive e personali a Cuneo e in Italia ma anche all’estero tra cui Francoforte e Parigi e a Los Angeles in occasione dei giochi olimpici. È membro di varie Accademie e Istituzioni Culturali. Da anni cura la realizzazione di prodotti relativi all’Arte e all’ambiente in collaborazione con l’Unesco. Le sue opere sono molto realistiche, in quanto mostrano una grande attenzione per il particolare degli oggetti raffigurati.

Le opere, donate alla Diocesi, verranno date alle scuole Andrea Fiore di Cuneo. A metà marzo ci sarà una mostra in Provincia dove verranno esposte alcune opere dell’artista.

 

Tutte le opere sono state catalogate dall’artista stessa e fotografate presso lo studio fotografico Gianfoto di Boves. Nella catalogazione, durata un anno e mezzo, è stata compilata una scheda per ciascuna opera nella quale è riportato: titolo, autore, anno e luogo di esecuzione, soggetto, tecnica usata, dimensione, note particolari dove necessario e fotografia.

crm

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium