/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 23 gennaio 2019, 14:28

Convenzioni congressuali Pd: Martina vince di misura su Zingaretti

Giachetti fa il pieno ma solo nelle Terre del Vino e a Mondovì. Ennesimo campanello d’allarme per i big del Pd cuneese: il loro beniamino non sfonda e vota solo il 44% dei tesserati, segno di un malessere che non accenna a passare

Convenzioni congressuali Pd: Martina vince di misura su Zingaretti

Si sono concluse ieri sera a Fossano le cosiddette “convenzioni”, cioè le votazioni dei soli tesserati al Pd chiamati a pronunciarsi sui sei candidati in corsa per la segreteria nazionale: Maurizio Martina, Nicola Zingaretti, Roberto Giachetti, Francesco Boccia, Dario Corallo e Maria Saladino.

A prevalere nei 27 Circoli Pd del Cuneese è stato – seppur di misura – Martina col 39,6%, seguito a ruota da Zingaretti (37,7%). Più distanziato Giachetti (22,3%). Appena 2 voti a Corallo (0,4%) e nessuno per Boccia e Saladino.

Gli aventi diritto al voto nella sezioni della Granda erano complessivamente 1203; hanno votato 529, pari al 44%, quindi meno della metà degli iscritti.

Martina ha avuto la meglio nei Circoli di: Caraglio e Valle Grana, Valle Po, Boves, Borgo San Dalmazzo, Ceresole, Centallo, Valle Stura, Bra, Sommariva Bosco, Ceva e Alta Val Tanaro, Cortemilia e Savigliano.

Zingaretti è prevalso in quelli di: Bisalta-Pesio, Dronero, Barge e Bagnolo, Canale-Roero, Diano d’Alba, Alba-Roddi, Carrù, Racconigi, Cavallermaggiore e Fossano.

Giachetti ha avuto successo solo in tre Circoli: Dogliani, Terre del Vino (Verduno e zona ovest di Alba) e Mondovì, ma qui ha davvero fatto mangiare polvere ai suoi competitor. Nell’area albese era appoggiato da Marta Giovannini, renziana della prima ora, e a Mondovì da Stefano Tarolli, consigliere comunale di “Mondovì a colori”.

Venti sono i delegati attribuiti a Martina, 18 a Zingaretti, 9 a Giachetti.

Oltre a ratificare il voto provinciale, martedì 29 gennaio le mozioni dovranno indicare 5 delegati alla convenzione nazionale cosi suddivisi: 2 Martina, 2 Zingaretti, 1 Giachetti. Saranno dunque verosimilmente questi tre candidati, il 3 marzo prossimo, a contendersi la segreteria nazionale del partito.

Annotazione a margine, rispetto alla situazione cuneese. Se si considera che i big del partito, i due parlamentari Mino Taricco e Chiara Gribaudo e i consiglieri regionali Francesco Balocco e Paolo Allemano appoggiavano tutti Maurizio Martina, si evince come – anche in questa circostanza, così come già era successo in occasione del congresso regionale – sia suonato un nuovo campanello d’allarme per lo stato maggiore del Pd in provincia di Cuneo.

Se a ciò si aggiunge che la percentuale di partecipazione al voto degli stessi tesserati non è arrivata al 50%, si può a buon diritto considerare che la prognosi del Partito Democratico è lungi dall’essere stata sciolta.

Nota di cronaca: questa sera, mercoledì 23 gennaio, Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, sarà a Cuneo alle 18 all’auditorium presso il foro boario alle 18.

Giampaolo Testa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium