/ Attualità

Attualità | 31 gennaio 2019, 12:30

In Piemonte oltre 41 mila poveri non possono comprare le medicine: torna la Giornata della Raccolta del Farmaco

Sabato 9 febbraio. In Piemonte saranno 501 le farmacie aderenti

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

In Piemonte le famiglie in condizioni di povertà assoluta, cioè che non possono permettersi spese essenziali per condurre uno standard di vita minimamente accettabile, sono quasi 200 mila, pari al 5,9%. Una percentuale inferiore alla media italiana del 6,2%, ma che fa della nostra regione la maglia nera del nord Italia industriale.

La spesa sanitaria annua delle famiglie piemontesi è di oltre 1.470 euro - circa 120 euro in più rispetto al dato italiano -, dei quali 622 euro per i farmaci. Una cifra che si dimezza per le famiglie povere, che in media investono 309 euro, 21 euro in più di quelle del bel paese. In entrambi i casi all'acquisto di farmaci è dedicato il 54% del budget.

Per rispondere a questa povertà sanitaria, sabato 9 febbraio torna la Giornata della Raccolta del Farmaco. Nell'edizione 2019 in Piemonte saranno 501 le farmacie coinvolte - di cui 245 in tutta la provincia di Torino - in 209 comuni sulle 8 province, nei quali si potranno comprare i medicinali da banco che verranno poi donati ai 171 enti. Sono oltre 41 mila e 300 le persone che non possono permettersi di curarsi e verranno così aiutate.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium