/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 09 febbraio 2019, 13:35

Archiviato il procedimento per “abuso d’ufficio” nei confronti del sindaco di Sampeyre Domenico Amorisco

Lo rende noto la Giunta, che commenta la decisione presa dall’autorità giudiziaria. L’esposto alla Procura era stato presentato a luglio del 2017 dall’opposizione in Consiglio comunale, in merito alle modalità di affidamento di alcune opere pubbliche

Il sindaco Domenico Amorisco

Il sindaco Domenico Amorisco

Si è concluso con un’archiviazione il procedimento penale che si era aperto nei confronti del sindaco di Sampeyre, Domenico Amorisco.

Tutto era nato, nel luglio del 2017, da una segnalazione inoltrata alla Procura della Repubblica dai tre consiglieri comunali d’opposizione (Gianfranco Fino, Maria Margherita Garnero e Francesco Dematteis), in merito ad alcune opere pubbliche commissionate dal Comune, assegnate dopo l’emanazione di un’ordinanza contingibile e urgente da parte proprio del sindaco Amorisco.

Nello specifico, l’esposto verteva sui lavori di realizzazione della rotonda sulla “Provinciale della Val Varaita”, all’altezza del bivio con Via Vittorio Emanuele e di costruzione del marciapiede lungo la strada provinciale, nel tratto compreso tra il bivio con Via Cavour e la farmacia”.

44mila euro il costo della rotonda (realizzata dalla ditta Costrade di Saluzzo), 26mila quello del marciapiede (lavori affidati alla ditta Bongiasca di Sampeyre).

Entrambi gli incarichi erano stati affidati dal sindaco, nei primi mesi della sua legislatura, con ordinanze contingibili ed urgenti.

Sulle modalità di affidamento, la minoranza aveva presentato esposto in Procura, ma – come accennato – il procedimento si è concluso con l’archiviazione.

La notizia è stata resa nota dalla Giunta di Sampeyre, su carta intestata del Comune, che ha inoltrato agli organi d’informazione una nota di "commento" alla decisione assunta dall’autorità giudiziaria.

“Giù le mani dal sindaco Amorisco. – esordisce l’esecutivo - Il tentativo della minoranza consiliare di criminalizzare il sindaco di Sampeyre è fallito.

È stata messa la parola fine, con l’archiviazione, al procedimento penale di abuso di atti di ufficio di cui all’articolo 323 del codice penale nei confronti del primo cittadino.

I lavori segnalati alla Procura probabilmente non erano di gradimento della minoranza consiliare, nonostante fossero da tempo attesi dalla popolazione sampeyrese.

In tutte le ‘alchimie di bassa politica’, esposte in sede di denuncia dalla minoranza, non sono stati però riscontrati dalla Procura elementi idonei per ravvisare la fattispecie del reato di abuso d’ufficio per cui il procedimento penale è stato archiviato”.

Lapidario anche il commento dello stesso sindaco Amorisco: “Questa è la vera fotografia dei tre consiglieri della minoranza di Sampeyre: denunce, astensioni e contrarietà, senza mai proposte alternative o fattiva collaborazione per il bene del paese.

La popolazione elettorale li aveva già bocciati nelle elezioni: oggi ha avuto la prova di non aver sbagliato.

Ogni altro commento a questo punto credo sia superfluo”.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium