/ Attualità

Attualità | 11 febbraio 2019, 18:42

La Fismic Confsal dopo la bocciatura del “maxi merger” Alstom-Siemens: "Italia dev’essere salvaguardata da qualsiasi tipo di razionalizzazione"

Riceviamo e pubblichiamo

La Fismic Confsal dopo la bocciatura del “maxi merger” Alstom-Siemens: "Italia dev’essere salvaguardata da qualsiasi tipo di razionalizzazione"

La FISMIC CONFSAL subito dopo che l’organo di vigilanza europea (antitrust) ha rigettato il piano di “maxi merger” di Alstom/Siemens, ribadisce la necessità che in Italia dev’essere salvaguardata da qualsiasi tipo di razionalizzazione, sia in termini di investimenti che occupazionale.

A tal proposito la mancata cessione del “Pendolino” fa sì, che Savigliano e tutta l’ASI (Alstom Service Italia) non venissero frammentate.

Da oggi l’impegno di tutti è costringere l’azienda con il supporto politico delle istituzioni sia locali che nazionali con il sostegno del MISE che intervenga con tutti gli strumenti necessari affinché venga salvaguardata la piena occupazione degli stabilimenti e depositi italiani dell’Alstom Transport Italia.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium