/ Attualità

Attualità | 14 febbraio 2019, 10:01

"Io, giornalista dell’online, regolarizzata grazie al contratto Fnsi-Uspi”

Il web protagonista al XXVIII Congresso della Stampa Italiana in corso a Levico Terme grazie all'intervento della giornalista di Targatocn Cristina Mazzariello, delegata della Stampa Subalpina

"Io, giornalista dell’online, regolarizzata grazie al contratto Fnsi-Uspi”

Cristina Mazzariello è una giornalista dell’online. E di questo va molto fiera. Soprattutto alla luce del nuovo contratto Fnsi-Uspi con il quale è stata regolarizzata.

Lo ha dimostrato dal prestigioso palco di Levico Terme, dove è in corso (dal 12 al 14 febbraio) il XXVIII Congresso della Federazione Nazionale Stampa Italiana.

Dobbiamo evolverci – ha ribadito la giornalista mercoledì sera dal palco di Levico - . A partire dal logo di questo congresso: forse al posto della macchina da scrivere, che pur mi piace e rispetto, ci dovrebbe essere uno smartphone. Il nemico è la solitudine. Dobbiamo impegnarci a riunire ciò che è stato diviso: non ci sono giornalisti di serie A e serie B. In quanto giornalista dell'online spesso mi sono sentita sminuita, giornalista di serie B, appunto. Ma da quando è stato siglato, nel maggio 2018, il contratto Fnsi-Uspi è stato finalmente messo un paletto nella giungla del web. Da quel momento il lavoro del giornalista online gode di maggiore dignità. Qualcuno l’ha criticato. Ma alla luce della mia esperienza nel giornale online www.targatocn.it posso dire che grazie a questa formula contrattuale sono state assunte 13 persone nel nostro gruppo editoriale More News. Forse per qualcuno non è molto, ma una base da cui partire sì”.

Mi auguro – ha concluso Mazzariello - che nel prossimo congresso Fnsi ci siano più giornalisti del web. Dobbiamo farci rispettare e far capire che nel web ci sono anche tanti giornali seri, che fanno buona informazione e regolarizzano i giornalisti. Proprio alla luce di questo, credo sia giusto che l’Ordine e il sindacato tutelino queste realtà che lavorano in modo professionale. Prima ero debole, oggi mi sento più forte con il contratto Uspi”.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium