/ Monregalese

Che tempo fa

Cerca nel web

Monregalese | 16 febbraio 2019, 17:33

La Casa di Riposo “Sacra Famiglia” è chiamata entro la prima decade di marzo

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Circolo del Pd di Mondovì

La Casa di Riposo “Sacra Famiglia” è chiamata entro la prima decade di marzo

La Casa di Riposo “Sacra Famiglia” è chiamata entro la prima decade di marzo, nell’ambito del suo Consiglio di Amministrazione, a decidere se permanere come struttura di diritto pubblico o trasformarsi in fondazione di diritto privato. La questione è sul banco da un anno e mezzo, ed era stata annunciata ancor prima, quando il disegno di Legge era all’esame del Consiglio Regionale. Nella primavera del 2018, al momento della nomina del suddetto Consiglio d’Amministrazione – composto da cinque persone, una di nomina della Diocesi e quattro della Città di Mondovì (due direttamente, due per delega della Provincia)– venne detto che, oltre l’ordinaria amministrazione, avrebbe dovuto preparare la strada a questa scelta.

La questione ha dimensioni tecniche complesse e di difficile ponderazione, ma è certo cruciale per il futuro della struttura: per questi motivi appare indispensabile approdare a una soluzione – qualunque essa sia – dopo aver condiviso un percorso di analisi e confronto fra le opzioni in campo, con i loro pro e contro, dopo aver sentito gli esperti in materia, le forze sindacali e quelle politiche.

Invece, fino ad adesso, questo percorso da parte dell’Amministrazione civica è stato tenuto assolutamente coperto: in particolare, non c’è mai stato un reale coinvolgimento, di forma e di sostanza, del Consiglio Comunale, che rappresenta l’intera collettività monregalese, e che, riteniamo, sarebbe stato necessario ed opportuno interessare con la convocazione di un’apposita seduta.

Nel merito, una parte della Maggioranza civica è parsa incline alla soluzione pubblica; nello stesso periodo, attraverso una lettera, alcuni componenti del Consiglio di Amministrazione dell’Ente palesavano però l’idea opposta, facendo trasparire una scarsa chiarezza di fondo.

Il Circolo del Partito Democratico di Mondovì ha cercato di approfondire i termini della decisione, ascoltando, in due incontri successivi, l'attuale presidente del Consiglio di Amministrazione, Diego Bottero, ed il suo predecessore, Giuseppe Germanetti. In due serate ricche di spunti e di discussione fra posizioni divergenti, sono emersi molti dettagli economici, tecnici e amministrativi che confermano appieno la nostra impressione: siamo di fronte ad una scelta di cruciale importanza, complessa e piena di risvolti delicati, che però viene tenuta lontana dall’opinione pubblica e dalla riflessione condivisa con tutti i Monregalesi.

Prima ancora di affrontare il merito della questione, il Circolo di Mondovì esprime il suo rammarico per il metodo con cui è stato condotto finora il processo decisionale, in particolare da parte dell'Amministrazione Comunale: per arrivare ad una determinazione condivisa e consapevole sarebbe stato opportuno istruire la pratica avviando per tempo un dibattito sia in sede di Consiglio Comunale, sia coinvolgendo il più possibile la cittadinanza, per una questione di serietà e rispetto dei lavoratori, dei ricoverati e delle loro famiglie. 


Circolo Pd Mondovì

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium