/ Cronaca

Cronaca | 20 febbraio 2019, 17:23

Caraglio, assolti dall’accusa di bancarotta fraudolenta ex titolare e consulente di un’azienda alimentare

Alla data del fallimento il passivo era di due milioni euro

Il tribunale di Cuneo - foto di repertorio

Il tribunale di Cuneo - foto di repertorio

L’accusa era di bancarotta fraudolenta della “Pollo Ar.te” di Caraglio, fallita nel 2012. A.G.T., ex titolare, e il consulente A.M. sono stati assolti dal tribunale di Cuneo perché il fatto non sussiste. Il pm Pier Attilio Stea aveva invece chiesto la condanna, rispettivamente, a 3 anni e 6 mesi e a 4 anni e 6 mesi.

L’azienda aveva chiuso i battenti con un passivo di 2 milioni di euro. Tra il 2006 e il 2012 era avvenuto il passaggio da macelleria artigianale alla cessione e creazione di altre aziende.

Secondo il curatore fallimentare il problema maggiore stava nei molti crediti difficilmente esigibili, e che pur non essendo non più riscuotibili, venivano inseriti nelle poste attive del bilancio.

Alla data del fallimento risultavano ancora 1 milione e 250 mila euro di crediti da incassare.


Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium