/ Politica

Politica | 20 febbraio 2019, 15:48

A33 Asti-Cuneo, Sozzani (FI): "Come per la TAV, passare dalle parole ai fatti. Basta oscurantismo M5S"

Riceviamo e pubblichiamo

A33 Asti-Cuneo, Sozzani (FI): "Come per la TAV, passare dalle parole ai fatti. Basta oscurantismo M5S"


"Sono soddisfatto per la risposta del vicesegretario, ma preoccupato perché i cantieri non ci sono ancora. E' ora di passare dalle parole ai fatti. SUl tema delle infrastrutture non dobbiamo abbassare la guardia".


Così l'on. Diego Sozzani, vicecoordinatore regionale di Forza Italia e capogruppo azzurro in Commissione Trasporti a Montecitorio, dopo la risposta del viceministro Edoardo Rixi all'interrogazione sullo stato di avanzamento dei lavori di realizzazione dell'A33 Asti-Cuneo.


"La concessione per la realizzazione dell'opera al gruppo Gavio è del lontano 2007 - ricorda Sozzani - sono passati 12 anni ma dopo l'esecuzione dei primi 7 lotti è tutto fermo. Nessun dubbio sui buoni propositi di Rixi, spero solo che non passi troppo tempo dato che il concessionario ha ormai tutti gli strumenti e le rassicurazioni, acnhe economiche, per riavviare i cantieri al più presto. Basta con l'oscurantismo a 5 stelle: Toninelli, Di Maio e il professor Ponti, quello del no alla Tav, hanno sostenuto che l'opera non è prioritaria per i territori. Vengano a raccontarlo a cittadini e imprenditori piemontesi costretti a disagi interminabili", conclude Sozzani.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium