/ Cuneo e valli

Che tempo fa

Cerca nel web

Cuneo e valli | 21 febbraio 2019, 11:35

A un mese dalla prima manifestazione, Fossano torna in piazza con l’Italia che (R)esiste

Sabato 2 marzo alle ore 17 autoconvocazione spontanea contro le discriminazioni in piazzetta Manfredi

A un mese dalla prima manifestazione, Fossano torna in piazza con l’Italia che (R)esiste

Dopo un mese esatto dalla prima manifestazione che ha visto, tramite un tamtam social 80mila persone in 280 piazze italiane manifestare la propria resistenza “alle scelte inumane di chi vorrebbe lasciar morire in mare chi scappa dalla guerra, dalla fame e dalla povertà”, torna l’Italia che (R)esiste, autoconvocazione spontanea di cittadini e associazioni per dare vita a una catena umana attorno a tutti gli edifici di tutti i comuni italiani”.

L’evento del 3 marzo sarà in contemporanea al “People – prima le persone”, manifestazione che avrà luogo a Milano e l’appuntamento, a Fossano, sarà alle 17 in piazzetta Manfredi.

Lo scorso 2 febbraio erano state moltissime le persone e le associazioni che si erano date ritrovo, nonostante l’abbondante nevicata, e avevano circondato con una catena umana l’isolato del Comune. Tante le associazioni che hanno aderito alla prima manifestazione e che stanno rinnovando la loro partecipazione per questo nuovo appuntamento del 3 marzo.

Come per l’appuntamento di febbraio l’autoconvocazione passa attraverso i canali social: “Vogliamo dare a tutte le persone che per i motivi più̀ svariati non possono raggiungere Milano, la possibilità di scendere nelle piazze delle proprie città o paesi. Non importa se saranno 2 persone o 2000: quello che conta è esserci di nuovo, come il 2 febbraio. Esserci per contestare una legge ingiusta e per riportare al centro di tutto le persone con i loro diritti. Esserci per mettere a tacere quest’ondata di xenofobia e paura ingiustificata, per difendere la legalità̀, la democrazia, l’accoglienza, la solidarietà̀” si legge sull’evento Facebook.

Anche questa volta saranno benvenuti bandiere, vessilli e striscioni dei partecipanti perché l’iniziativa è trasversale e non legata all’appartenenza a una sola compagine politica. Al momento i comuni italiani aderenti sono circa 70 mentre manca una settimana alla scadenza per l’adesione. In provincia di Cuneo, al momento, hanno aderito, oltre a Fossano, anche i comuni di Bra e Cuneo.

Agata Pagani

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium