/ Speciale elezioni

Che tempo fa

Cerca nel web

Speciale elezioni | 11 marzo 2019, 18:18

Guarene: il consigliere di minoranza Simone Manzone si candida a Sindaco

Il trentaduenne guarenese ha deciso di provare la scalata alla fascia tricolore, contendendo a Piero Rivetti l'eredità del primo cittadino uscente, Franco Artusio

Simone Manzone, candidato sindaco a Guarene

Simone Manzone, candidato sindaco a Guarene

Simone Manzone, 32 anni, nato il 19 aprile 1987 ad Alba e residente e Guarene, libero professionista, si presenta alle prossime elezioni amministrative come Sindaco di Guarene con la lista civica “Siamo Guarene”, della quale fanno parte rappresentanti di tutta la comunità che vivono e amano il proprio paese e hanno scelto di dedicare il loro tempo al bene comune.
Da cinque anni capogruppo di minoranza in Consiglio comunale a Guarene, dal 2014 è presidente del circolo Acli Castelrotto, associazione che si occupa dell'organizzazione di feste ed eventi patronali nella frazione guarenese, da febbraio 2019 membro dell'associazione "Insieme" fondata nel 2002 dall'ex presidente della Provincia di Cuneo Giovanni Quaglia.

Cosa l’ha indotta a scendere in campo per il Suo paese?

"La mia candidatura nasce dalla spinta dei molti guarenesi che sentono la necessità di un rinnovamento. In cinque anni da capogruppo di minoranza mi sono reso conto che amministrare un Comune significa gestire una realtà in evoluzione, in cui una delle sfide principali è ripensare i servizi creando un’unione tra il mondo analogico e quello digitale. Per fare questo, sono necessarie: capacità, competenze professionali nuove, entusiasmo e visione al futuro. In poche parole servono le nuove generazioni".

Qual è il simbolo della sua lista e cosa rappresenta?

"La nostra lista civica 'Siamo Guarene' ha come simbolo il sole che sorge e richiama il profilo della collina guarenese: rappresenta una nuova alba per il paese. Al centro compare il nome della lista e intorno una corona circolare arancione acceso, divisa in tre parti uguali, che rappresentano le tre aree del nostro comune: Castelrotto-Racca, Guarene Capoluogo e Vaccheria".

Quali sono i progetti e le prospettive future per il suo paese?

"La nostra programmazione è frutto di anni di lavoro, di analisi, di scambi continui con la popolazione. Il poter vivere l’Amministrazione dal di dentro ci ha portato a riflettere sui tanti errori a cui abbiamo assistito e a pensare la nostra azione nell’ottica di un salto di qualità per il bene comune. Idee ne abbiamo molte, sempre consapevoli che il modo migliore per realizzarle è rimanere con i piedi per terra. Vogliamo onorare la Bandiera Arancione da poco conquistata puntando su un’offerta turistica di alto livello. Inoltre, grande attenzione verrà data alle scuole e in generale al benessere delle persone, con interventi ad hoc per migliorare i servizi essenziali. Ci sarà anche spazio per un grande piano di manutenzione di aree ed edifici pubblici, alcuni dei quali necessitano di interventi urgenti. Inoltre, non possiamo dimenticare la sicurezza sulle nostre strade: l’intero territorio comunale rappresenta una naturale via di accesso ad Alba, con transiti veicolari numerosi e ripetuti, su cui occorre intervenire per limitarne al massimo la pericolosità".

Tiziana Fantino

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium