/ Al Direttore

Che tempo fa

Cerca nel web

Al Direttore | 14 marzo 2019, 17:29

Dario Crosetto in ricordo dell'amato fratello Alberto

Riceviamo e pubblichiamo

Dario Crosetto in ricordo dell'amato fratello Alberto

In memoria di mio fratello nel giorno del suo compleanno dell’8 marzo

Ti ricordo così Alberto: compassionevole, sempre pronto a venire incontro alle esigenze degli altri. Purtroppo ricordo anche la tua sofferenza di fronte alle ingiustizie ed alla disumanità che non potevi cambiare. 

Si capiva l’importanza che avevano per te i tuoi pazienti, soprattutto gli anziani della casa di riposo di Moretta. Il tuo volto si illuminava quando dovevi correre per i tuoi malati, quando ricevevi una telefonata dalla casa di riposo mentre mi venivi a prendere o mi portavi all’aeroporto. Si riempiva di tristezza se la telefonata ti annunciava che uno di loro era morto.

Capivo che la tua cura non erano solo i farmaci, ben più curative erano le parole e l’attenzione che infondevano sollievo nel paziente. Non solo le parole, ma la pazienza di ascoltare il paziente, il dargli importanza e il fargli capire che non era solo nella lotta contro la malattia. Questo era forse in certi casi più curativo del farmaco per la reazione positiva del paziente stesso.

Proprio i molti casi durante i lunghi anni di servizio e l'esperienza di conoscere il paziente nella sua globalità ti aiutava a individuare la diagnosi giusta, il farmaco giusto e la cura giusta, cosa che un medico dell’ospedale, che vedeva il paziente una volta sola non poteva ottenere altrettanto facilmente.

Ti vedevo contento quando ricevevi il riconoscimento di un tuo paziente per avergli risolto un problema che aveva da tempo. Ti vedevo contento quando eravamo tutti riuniti per una festa.

Mi manca sentirmi dire che leggevi con piacere ed interesse quello che scrivevo. Questo mi faceva capire che eravamo vicini negli ideali fondamentali, voler fare qualcosa di utile per gli altri.

La notte prima del tuo compleanno ho composto la pagina riportata di seguito per esprimere alcuni dei valori fondamentali sui quali mi trovavo in sintonia con te Alberto.

Non potendo più condividere queste cose con Alberto, sarei grato se il giornale mi permettesse di condividerle con altri, così che tutti insieme possiamo continuare a crescere attraverso suggerimenti e critiche costruttive, condividendo gli stessi valori fondamentali e tenendo vivo in questo modo la “legacy” (eredità) che ci ha lasciato Alberto: essere compassionevoli, leggere, informarsi, ascoltare, avere attenzione per gli altri ed essere pronti a venire incontro alle altrui esigenze.

Un abbraccio, Dario Crosetto

Il Dialogo Promuove la Pace, il Rispetto Reciproco, fa Emergere la Verità e Risolve i Conflitti e le Differenze.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium