/ Scuole e corsi

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuole e corsi | 14 marzo 2019, 20:30

Con l’ARCA e il Politecnico di Torino nuovi progetti per il centro e il parco giochi di Madonna dell'Olmo a Cuneo

Ha preso il via, lo scorso venerdì 8 Marzo, il workshop ZOOART A.R.C.A. 2019, presso il Politecnico di Torino, Castello del Valentino

Con l’ARCA e il Politecnico di Torino nuovi progetti per il centro e il parco giochi di Madonna dell'Olmo a Cuneo

A.R.C.A. è un acronimo, che richiama l’Arte, la Ricerca ma anche la Comunità che elabora nuove sperimentazioni e che sa interrogarsi sul tema dell’Abitare.

E’ un progetto che fa parte dalla piattaforma ZOOART, nata dal celebre festival cuneese, che anche nel 2019 lavorerà in quartieri non centrali delle città di Cuneo e di Alba.

Una trentina tra i migliori studenti, iscritti alla Facoltà di Architettura di Torino, parteciperanno al “corso professionalizzante” che coinvolge tutti i corsi di studi magistrali del Dipartimento Architettura e Design, e che, dal mese di marzo, sino al mese di giugno, intende ripensare e operare sull'area tra le scuole, il parco e il centro anziani della frazione di Madonna dell'Olmo.

Il parco giochi, in special modo, che ha subito il taglio integrale degli alberi, a causa dell'emergenza tarlo asiatico, sarà il protagonista delle nuove visioni.

Attore del progetto anche la Pro loco di Madonna dell’Olmo, coordinata da Livio Avagnina e Giuseppe Beraudo, che lo scorso 8 marzo, presso il Politecnico, hanno mostrato ai futuri architetti, un’analisi della situazione e dei bisogni del quartiere.

Quattro mesi di lavoro in cui mettere a fuoco nuove progettualità, in sintonia con le richieste dell’amministrazione, degli abitanti ma anche degli studenti delle scuola primaria e secondaria del quartiere a cui sono stati chiesti direttamente suggerimenti per la rigenerazione del parco, attraverso ad un questionario specifico.

A.R.C.A. infatti ha elaborato un nuovo processo per i quartieri periferici: ascolto degli attori del territorio, a partire dalle amministrazioni che scelgono i luoghi che necessitano di nuove visioni, un confronto costante con gli abitanti e le varie comunità per giungere all'elaborazione di nuove prospettive.

Oltre al territorio e agli studenti laureandi, anche nel 2019 collaborerà ai progetti dell’A.R.C.A. il collettivo Orizzontale, architetti basati a Roma, insigniti lo scorso anno del Premio Giovane Talento dell’architettura italiana 2018 del CNA.

Sottolinea il Prof. Regis, referente scientifico Politecnico del workshop professionalizzante ARCA: “L’entusiasmo e la partecipazione degli studenti continua a sorprenderci: per la prima volta immaginano, interagiscono con le comunità e costruiscono luoghi di incontro e condivisione, di rigenerazione urbana. Oggi sono chiamati a immaginare il cuore pulsante di Madonna dell’Olmo, a prefigurare un masterplan per la sua valorizzazione , un luogo capace di offrire una cornice di bellezza ed accoglienza alle tante iniziative delle comunità , a progettare una piazza e un giardino, un giardino oggi “invisibile” dopo il taglio di tutte le piante attaccate dal tarlo asiatico: un’emergenza drammatica che richiede nuove immagini, approcci e competenze.”

Una serie di progetti per le comunità e con le comunità per comprendere come declinare la creatività, l’arte, il design, e le attività culturali in genere, in sintonia con le istanze dei cittadini, nell’ottica di rendere più vivaci e attraenti anche i quartieri non centrali e che manifestano particolari necessità e richieste.

"Come Amministrazione abbiamo accolto la proposta del Progetto ARCA e siamo soddisfatti dell’avvio di questo lavoro in collaborazione con la Facoltà di Architettura di Torino”, commenta la vicesindaco Patrizia Manassero, “abbiamo ritenuto utile indirizzarlo sulla frazione di Madonna dell’Olmo proprio per restituire una visione sul futuro dell’area centrale all’indomani degli abbattimenti degli alberi a causa del tarlo asiatico. Il metodo di lavoro che vede il coinvolgimento della realtà frazionale, scuole, associazioni, parrocchia e residenti, è molto importante, l’obiettivo è chiaro: avere delle proposte progettuali innovative, rispondenti alle aspettative della frazione che saranno stimolo per l’Amministrazione nel programmare futuri interventi."

Dal lavoro di Art.ur, degli studenti e del collettivo Orizzontale si svilupperanno progetti di grande scala, ma anche una nuova visione per il giardino e il workshop si concluderà con un cantiere di autocostruzione di nuovi oggetti per il parco, che si svolgerà la prima settimana del prossimo mese di giugno.

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium