/ Speciale elezioni

Speciale elezioni | 17 marzo 2019, 07:15

Eros Pessina non ha dubbi: "E' la cultura la leva per costruire insieme la Busca di domani"

Il candidato sindaco di "Busca nel cuore", dopo la premiazione in Campidoglio, espone l’aspetto culturale del suo programma per le elezioni comunali del 26 maggio

Eros Pessina

Eros Pessina

Alla presenza delle telecamere della RAI e di molte TV locali, nella sala Protomotea del Campidoglio di Roma il buschese Eros Pessina ha ricevuto, venerdì 15 marzo, il prestigioso doppio Premio letterario Internazionale AlbertoAndronico.

“Questo Premio è per me una grande soddisfazione! Sono stato molto emozionato per aver ricevuto questo prestigioso riconoscimento. Lo dedico anche alla mia città di Busca, dove vorrei portare un domani un Premio Letterario Internazionale e fotografico, frutto delle mie conoscenze e delle mie esperienze anche come componente della Giuria del Premio I Murazzi 2019 a Torino. Oltre ad un Premio Letterario vorrei portare a Busca un Festival della canzone jazz e rock da svolgersi anche sulle nostre meravigliose colline buschesi. Vede, a Busca abbiamo delle location dove si potrebbero fare delle rappresentazioni da sogno. Invidiabili da qualsiasi organizzatore di spettacoli. Ma lo sa che nelle sere d’estate, dalle serre del Roccolo, c’è una vista delle Alpi e della piana cuneese mozzafiato?”, dichiara il portabandiera della lista Busca nel Cuore.

- Lei sarà candidato Sindaco per Busca. Oltre a quanto detto sopra, cosa intende fare?

Occorre promuovere e valorizzare le attività culturali presenti sul territorio, facendo partecipare i giovani. A tal proposito proporremo rassegne teatrali e cinematografiche a tema. Inoltre occorre valorizzare tutte le Associazioni di Volontariato presenti, anche tramite un coordinamento e contributi da parte del Comune. Ai giovani che compiono i 18 anni, in ogni anno della nostra Amministrazione, verrà consegnata una tessera omaggio per la visione di 10 film di rassegne culturali presso il Cinema di Busca, oltre ad una copia della Carta Costituzionale e volumi di storia e musicali.

- Ha parlato anche del Roccolo...

Il rilancio del Castello del Roccolo con promozione sui circuiti nazionali ed europei è per noi una priorità. Al Roccolo si potrebbero realizzare rassegne culturali letterarie, cinematografiche e musicali. Inoltre parte di quel Premio Letterario di cui parlavo e parte del Festival del Marchesato di musica jazz e rock. E’ una location inimitabile e suggestiva.

- Altre priorità per la cultura?

Soprattutto i giovani. Con la creazione di un incubatore d’impresa al fine di valorizzare imprese giovani emergenti e start-up, fornendo un supporto comunale integrato di informazione, sostegno e servizi di supporto allo sviluppo. Anche con l’utilizzo di spazi multiuso destinati alla fabbricazione digitale ed al coworking. La nostra priorità proprio per i giovani rimane portare a Busca una Scuola superiore secondaria (Istituto Tecnico o similare).

- Avete lanciato anche l’idea del Progetto BuscaViva, che si inserisce in un contesto di sviluppo turistico e culturale.

Al fine di creare un turismo buschese ed una città vivibile a misura d’uomo e di bambini, si: abbiamo pensato di lanciare il “Progetto BuscaViva”. Questo Piano prevede:

Realizzazione di area pedonale in parte del centro storico tra le 19.30 del sabato e le 24 della domenica (eccetto i residenti per l’accesso alle autorimesse private, residenti autorizzati e autorizzati in genere)

Possibilità in tale area ed in tutto il centro ai bar e ristoranti dell’occupazione suolo pubblico per ristorazione e bar in deroga a tasse di occupazione del suolo

Possibilità per musicisti singoli e complessi di esibirsi in luogo pubblico senza particolari autorizzazione, previa identificazione da parte della Polizia Locale, secondo norme vigenti

Numero minimo di 10 serate gratuite per tutti i cittadini e turisti di proiezione di cinema all’aperto a spese del Comune, per la riscoperta dei luoghi di aggregazione cittadini (piazze e luoghi collinari)

Realizzazione “Fiera del Marchesato” per la valorizzazione del pane, del quagliano e altri prodotti quali vini tipici e liquori locali, della durata di un mese, con realizzazione di concerti e serate enogastronomiche. In concomitanza anche con manifestazioni quali Mirabilia

Concorso Letterario e Fotografico Buschese a livello internazionale

Accordo con televisioni ed organi di stampa italiani ed internazionale per portare le bellezze del territorio di Busca nel mondo, con accordi di nuovi gemellaggi internazionali

Si deve insomma integrare il marketing di prodotto con il marketing territoriale, per rilanciare lo storico Marchesato di Busca verso il futuro.

sg

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium