/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 18 marzo 2019, 19:22

At-Cn, il Tavolo delle Autonomie: "Sblocco della situazione è un successo del territorio, ora marchiamo stretto su tempi e modalità"

A margine dell'incontro i commenti del sindaco albese Marello, rappresentante legale del sodalizio, e del coordinatore, il presidente dell'Associazione Commercianti Albesi Giuliano Viglione

L'arrivo del premier Conte al sopralluogo di Cherasco

L'arrivo del premier Conte al sopralluogo di Cherasco

L'Associazione “Langhe Roero, Tavolo delle Autonomie per il Territorio” era ampiamente rappresentata nel contesto del vertice odierno in Prefettura a Cuneo con il premier Giuseppe Conte e il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli, che sul completamento dell'autostrada Asti-Cuneo hanno dichiarato di aver raggiunto l'accordo con il costruttore: il tratto mancante sarà finanziato con un anticipo sulla concessione della Torino-Milano.

A margine dell'incontro, i commenti del sindaco di Alba Maurizio Marello, rappresentante legale del sodalizio e del coordinatore, il presidente dell'Associazione Commercianti Albesi Giuliano Viglione.

"È certamente anche un successo del Tavolo delle Autonomie, del territorio di Alba Bra Langhe Roero e di tutta la provincia, aver ottenuto l'arrivo in loco del presidente del Consiglio dei Ministri e del Ministro delle Infrastrutture - afferma Marello – che ha dichiarato di aver seguito il presidio degli amministratori, degli imprenditori e delle associazioni di categoria presso la Prefettura. Questo significa che le nostre lotte hanno sortito un effetto.
La soluzione tecnico-progettuale prospettata da Conte e Toninelli ricalca di fatto quella presentata dal precedente governo, mentre cambia la modalità di finanziamento dell'opera. I 350 milioni di euro non saranno più individuati nella proroga della concessione per la A4 Torino-Milano, ma il Gruppo Gavio si impegna ad anticipare la somma, che sarà recuperata successivamente nel contesto del rinnovo delle concessioni
".

Secondo gli impegni presi di fronte alla delegazione ricevuta in Prefettura, il cronoprogramma vede il lotto 2.6 Roddi-Cherasco presentato al Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) il 26 marzo. Segue la suddivisione in due parti: il troncone Roddi-Verduno, già progettato, dev'essere stralciato dal Ministero per consentire di completare gli espropri entro fine maggio, dopodiché i lavori possono partire.
Nel frattempo, va riprogettata la porzione tra Verduno e Cherasco, che abbandona il tunnel per un tracciato fuori terra. Qui i tempi si allungano perché prevedono l'intera procedura necessaria, compresa la valutazione di impatto ambientale.

"Interrompiamo il presidio della Prefetturaconclude Marelloconcentrandoci sul cronoprogramma. Il presidente della Regione Sergio Chiamparino ha proposto l'attivazione di due tavoli, uno in Regione e uno presso il MIT per monitorare ogni prossimo  passaggio tecnico e il rispetto delle date indicate".

"Monitoreremo con attenzione l'iter scandito dal premier e dal ministro Toninelli - annuncia Viglione -. Da buoni piemontesi siamo cauti e viste le precedenti delusioni aspettiamo a festeggiare. Resta il fatto positivo di un sopralluogo operativo da parte del governo, finalmente segno di rispetto per il territorio, dopo un lungo ed assordante silenzio".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium