/ Eventi

Eventi | 18 marzo 2019, 13:05

Alessandro Baricco e Riccardo Zecchina a Cuneo protagonisti di “The Game”

Giovedì 28 marzo alle 18, al Teatro Toselli il dialogo tra lo scrittore e lo scienziato. L’evento fa parte della VI edizione di Biennale Democrazia ed è l’unico previsto fuori Torino

Alessandro Baricco e Riccardo Zecchina

Alessandro Baricco e Riccardo Zecchina

Giovedì 28 marzo, alle ore 18, lo scrittore Alessandro Baricco e lo scienziato Riccardo Zecchina porteranno sul palco del Teatro Toselli di Cuneo il dialogo-spettacolo “The Game”.

L’appuntamento è parte del programma della VI edizione di Biennale Democrazia “Visibile Invisibile”, che si terrà a Torino dal 27 al 31 marzo, ed è l’unico localizzato fuori dal capoluogo.

Biennale Democrazia è un progetto della Città di Torino, realizzato dalla Fondazione per la Cultura Torino in collaborazione con il Polo del ‘900. L’appuntamento al Toselli, invece, è organizzato dalla Fondazione Artea in collaborazione con il Comune di Cuneo. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti.

Per maggiori informazioni visitare i siti web  biennaledemocrazia.it e fondazioneartea.org.

Il dialogo che Alessandro Baricco e Riccardo Zecchina porteranno sul palco del Toselli trae spunto dai contenuti dell’ultimo libro di Baricco, “The Game”, e proporrà una riflessione su come l’epoca complessa e mutevole in cui viviamo, risultato di una rivoluzione tecnologica che è prima di tutto una rivoluzione mentale, abbia portato all’azzeramento dei confini tra reale e digitale: tutto è immediato, vicino, leggero, ma anche mobile, liquido, instabile.

La nostra vocazione adolescenziale a trasformare la vita in un gioco senza fine sembra aver avuto la meglio. Un gioco irresistibile, perché́ facile e divertente, ma che rischia di degenerare in superficialità e isolamento. Saranno solo i nativi digitali a determinare gli sviluppi di questo gioco travolgente?

L’appuntamento cuneese del 28 marzo è parte del programma della VI edizione di Biennale Democrazia, intitolata “Visibile Invisibile”, e si inserisce nella collaborazione che Fondazione Artea, Città di Cuneo e CeSPeC – Centro Studi sul Pensiero Contemporaneo hanno definito con Fondazione per la Cultura Torino e Polo del’900 nell’ambito di Spotlight, rassegna che lo scorso autunno ha anticipato i temi di Biennale con la conferenza di Federico Rampini e ha dato il via al coinvolgimento di 15 classi delle superiori in un percorso di formazione curato dal CeSPeC. Con 133 appuntamenti e 251 relatori per cinque giorni densi di dialoghi, discorsi, performance, dibattiti e iniziative per i ragazzi, la Biennale è focalizzata su un obiettivo, che ne costituisce il tema centrale, di grande attualità: individuare le dimensioni del nostro tempo, comprenderle e cercare di superarle.

Il mondo in cui viviamo è ad altissima visibilità, ma in tutti i panorami costellati di luci si nascondono coni d’ombra: come mutano le relazioni umane e sociali – e con esse come cambia la politica – nell’epoca dell’esibizione, della celebrità, della fiction, della realtà che si fa reality? Guardare non basta. Affinché le società democratiche possano recuperare prospettive di futuro occorrono strumenti per comprendere e nuovi obiettivi da perseguire.

Dopo l’interessante percorso di Spotlight lo scorso autunno che non solo aveva portato al Toselli la coinvolgente conferenza-spettacolo di Federico Rampini, ma aveva anche promosso un lavoro di avvicinamento ai temi della convivenza civile e della cultura politica tra i ragazzi delle scuole superiori del territorio – commenta il direttore di Fondazione Artea Alessandro Isaia, Artea continua il suo impegno nello sviluppo di collaborazioni con importanti istituzioni culturali al fine di incrementare l’offerta culturale del territorio . L’appuntamento del 28 marzo con Alessandro Baricco e Riccardo Zecchina è un’occasione per affrontare temi cruciali per la società contemporanea, quali il rapporto tra reale e virtuale e il condizionamento che le nuove tecnologie sono arrivate a esercitare sulla nostra esistenza”.

La democrazia va conquistata ogni giorno e deve essere coltivata attraverso la consapevolezza di tutti noi che ne siamo attori – dice l’Assessore alla Cultura Cristina Clerico - . Rubando le parole al presidente di Biennale Democrazia, il professor Zagrebelsky, viviamo una società in cui ‘le esistenze sono sempre più trasparenti le une alle altre, ma sempre più distanti o chiuse in universi impermeabili, in cui vediamo sempre di più, ma se non abbiamo strumenti adeguati a interpretare la realtà, rischiamo di capire sempre meno’. Per questo siamo particolarmente felici di ospitare nuovamente a Cuneo, grazie al supporto fondamentale della Fondazione Artea, uno degli incontri di Biennale. Questo appuntamento sarà una nuova occasione per comprendere meglio il nostro presente. E ad aiutarci ci sarà un Maestro della nostra letteratura contemporanea, Alessandro Baricco, autore che la nostra città, amica della lettura, ha sempre dimostrato di apprezzare. Un incontro da non perdere”.

Biennale Democrazia sempre di più è, e vuole essere, un’iniziativa culturale di rilievo nazionale – conclude la direttrice organizzativa di Biennale Democrazia Angela La Rotella - . Non solo perché ci raggiungono partecipanti da tutta Italia, studenti e non, ma anche perché, per questa edizione, ci siamo sforzati di allargare la nostra presenza anche fuori dalla città di Torino. La collaborazione con la Città di Cuneo è quindi per Biennale un’occasione importante di cui siamo molto riconoscenti all’amministrazione cuneese che si aggiunge ad altre iniziative che ci vedono presenti a Matera, Milano, Genova e Roma”.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium