/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 19 marzo 2019, 16:36

Nuovo ospedale Alba-Bra: il cantiere avanza, conto alla rovescia in vista dell'inaugurazione (FOTO)

A Verduno si procede spediti in vista di un taglio del nastro ora imminente. In linea col cronoprogramma la realizzazione della rotatoria di innesto lungo la Sp7. Ma sulla riapertura della strada previsioni ancora sospese

I lavori per la realizzazione della rotatoria, da noi fotografati lo scorso venerdì 15 marzo

I lavori per la realizzazione della rotatoria, da noi fotografati lo scorso venerdì 15 marzo

Azzardi sulle date davvero non ne mancano. Chi, proprio da Verduno, sostiene che sarebbe in via di organizzazione addirittura per questo sabato, 23 marzo. Chi guarda invece alla prossima settimana, e specificatamente alla giornata di giovedì 28. Quello che pare certo a sentire quanto circola nei corridoi dell’Azienda Sanitaria albese come in quelli dell’Assessorato Regionale alla Sanità è che di "date ufficiali al momento non ne ce ne sono" – come ribadisce al nostro giornale il direttore generale dell’Asl, dottor Massimo Veglio –, ma che al contempo alla cerimonia che segnerà l’annunciato varo del nuovo ospedale unico Alba-Bra mancherebbe davvero poco, questione di settimane se non addirittura di giorni.
Questo nell’attesa che il contenitore venga riempito di contenuti nel corso dell’estate, come lo stesso dirigente aveva già spiegato da queste pagine con abbondanza di particolari, per diventare poi finalmente operativo negli ultimi mesi dell'anno.

Intanto ai piedi della struttura procedono i lavori per la realizzazione della rotatoria che dovrà collegarla alla Strada Provinciale 7.  
Come noto, per fare spazio agli operai e agevolare una spedita esecuzione dei lavori, dallo scorso 8 marzo la stessa Provinciale è stata completamente interdetta al traffico, con la sola esclusione dei mezzi di soccorso.

La riapertura – ma qui si attendono conferme che arriveranno soltanto verso la fine della settimana – è prevista a partire da lunedì 25 marzo, quando secondo i piani della Provincia i quindici operai impegnati sul posto per conto dell’impresa appaltatrice, la Cauda Strade Srl di Montà, dovrebbero aver terminato la realizzazione dell’importante manufatto stradale, progettato in rilievo di circa 1,5 metri rispetto all’originario piano viario per consentire la posa e lo spostamento di numerosi sottoservizi, ma anche per diminuire almeno in parte l’importante pendenza della strada di accesso nel suo tratto iniziale.

"I lavori procedono in linea coi tempi prefissati, salvo contrattempi siamo fiduciosi di poter terminare nel pieno rispetto del cronoprogramma", ci confermava Gianluca Malacrino, titolare dell’azienda montatese, lo scorso venerdì, quando siamo stati sul posto per verificare con mano lo stato di avanzamento dell’opera.  

Comprensibilmente improntate alla prudenza le valutazioni dei tecnici della Provincia, che richiamata la complessità dell'intervento, specialmente sul fronte dei sottoservizi da spostare, preferiscono ancora riservarsi ogni previsione circa i tempi di riapertura della strada, confermando come obbligata, visto l'evolversi dei lavori, la scelta di chiudere la strada al traffico.

Se quest'ultima opzione sta consentendo alla ditta impegnata in loco il rispetto di rapidi tempi di esecuzione, qualche riflesso negativo il cantiere stradale l’ha invece avuto sulla progressione dei lavori sui nove piani del nuovo ospedale, come spiega ancora il direttore generale dell’Asl. "Diciamo che venivano da un periodo nel quale avevamo potuto registrare una forte accelerazioneci spiega infatti il dottor Massimo Veglio –, mentre con la strada a valle bloccata in questi giorni si sono registrate continue difficoltà nel passaggio dei mezzi pesanti diretti all’ospedale. Ma era una fase prevista e bene che la realizzazione del collegamento stradale sia in una fase avanzata".

E sempre dal direttore generale arriva l’invito a visionare la struttura attraverso il tour virtuale pubblicato sul sito dell’Asl Cn2, all’indirizzo https://tour.aslcn2.it/, ora con le immagini dal drone e negli interni aggiornate a febbraio 2019.

Ezio Massucco

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium