/ Speciale elezioni

Che tempo fa

Cerca nel web

Speciale elezioni | 19 marzo 2019, 13:31

Aurelio Seimandi candidato a sindaco alle prossime elezioni comunali di Paesana?

Il direttore della Banda musicale del paese e del Complesso bandistico Città di Saluzzo era stato coinvolto, a suo tempo, nel progetto del tandem “Miolano-Borsa”. Poi, con l’uscita di scena di Enrico Miolano, Seimandi pare abbia deciso di tentare la corsa al Palazzo comunale

Aurelio Seimandi nei panni di Ciaferlin, la maschera carnevalesca della Città di Saluzzo

Aurelio Seimandi nei panni di Ciaferlin, la maschera carnevalesca della Città di Saluzzo

Mentre in altri paesi si delinea il quadro in vista delle prossime elezioni amministrative, non così sta accadendo a Paesana, in Val Po.

Qui la situazione rimane tutto fuorché definita. in passato ci siamo occupati a più riprese delle indiscrezioni in merito ai papabili candidati a sindaco. Quello che si apprende è che Enrico Miolano, giornalista e insegnante, si sarebbe già defilato dalla corsa per il Municipio.

Non si sa di più circa le motivazioni che hanno portato Miolano a scegliere di accantonare l’ipotesi di una candidatura a sindaco (già tentata nel 2009, quando le elezioni avevano consacrato Mario Anselmo sindaco per 1176 voti contro 690).

L’unico nome certo rimane quindi, al momento, quello di Emanuele Vaudano. Il giovane imprenditore, al termine del suo mandato da vicesindaco, è al lavoro per la composizione di una lista che lo vede candidato a sindaco.

Sul fronte dell’attuale opposizione, invece, le indiscrezioni parlano di una possibile candidatura, in capo all’attuale capogruppo Sergio Beccio o a Rosina Peiretti, sua moglie, già vicesindaco del paese con Giovanni Battista Mattio primo cittadino.

L’impegno amministrativo della Peiretti al fianco di Mattio si concluse nel marzo del 2003, con la sfiducia del primo cittadino che aveva portato al commissariamento del paese.

Poi, nel 2004, venne eletta nella maggioranza di Mario Anselmo, che l’aveva definita uno dei pilastri portanti dell’Amministrazione, insieme al vicesindaco di allora Armanda Picca, che a sua volta aveva assunto la guida della Casa di riposo di via Margaria.

La Peiretti rassegnò le dimissioni prima della conclusione del suo mandato (prima legislatura di Anselmo). Alle elezioni del 2009 si ripresentò al giudizio degli elettori, nella lista di Enrico Miolano, venendo eletta come consigliere di minoranza.

La sua presenza sulla scena politica del paese manca dalla fine di quel mandato, dal maggio del 2014.

È ipotizzabile che l’eventuale lista guidata da Beccio o dalla Peiretti annoveri, tra i membri candidati a consigliere comunale, la presenza di Fabio Gottero, attuale rappresentante d’opposizione, che cinque anni orsono aveva ottenuto il massimo numero di preferenze.

Il panorama “politico” pre-elettorale si è però arricchito, in questi giorni, di un nome nuovo, sebbene fosse già circolato nei mesi scorsi: quello di Aurelio Seimandi, musicista e direttore della Banda musicale del paese e del Complesso bandistico Città di Saluzzo.

Seimandi – come lui stesso non fa mistero – potrebbe essere a capo di una terza lista (qualora tutte le compagini venissero confermate), come candidato sindaco. La sua candidatura ha assunto contorni sempre più concreti dopo l’uscita di scena di Enrico Miolano.

In un primo momento, infatti, il direttore della Banda musicale “figurava” era stato coinvolto nel progetto “tandem” di Miolano e Giampiero Borsa, come uno dei componenti della lista.

Seimandi, sin da quei giorni, non ha mai nascosto le proprie ambizioni di assumere la candidatura.

Venuto meno il nome del giornalista, ma non le “voglie” di sedere sulla poltrona da sindaco, Seimandi pare abbia deciso di tentare la corsa al Palazzo comunale.

Nulla si sa, per il momento, in merito alla composizione della sua lista (ammesso che sia già ultimata) e, nemmeno, se la lista di Seimandi continui ad essere appoggiata, sebbene dall’esterno, dall’imprenditore (e presidente della Casa di riposo) Gianpiero Borsa.

Il dato che emerge con chiarezza su più fronti rimane comunque la difficoltà nel reperire persone disponibili a partecipare alla vita amministrativa del paese.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium