/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 20 marzo 2019, 15:04

Contratto degli operai forestali, UNCEM: "Bene la firma in Piemonte, attendiamo l'intesa nazionale"

Oggi in Piemonte sono 471 gli operai forestali di cui 237 assunti a tempo indeterminato e 198 a tempo determinato

Operai forestali al lavoro a Sampeyre

Operai forestali al lavoro a Sampeyre

Uncem ritiene positiva la firma del Contratto integrativo del comparto degli operai idraulico-forestali da parte delle sigle sindacali del settore, della Regione e della Delegazione piemontese Uncem.

Il nuovo contratto integrativo regionale arriva a dieci anni dal precedente e di fatto anticipa il contratto collettivo nazionale per il quale Uncem guida la contrattazione. Si aprirà a breve un tavolo con Cgil, Cisl e Uil, con il Mipaaf e la Conferenza delle Regioni, al fine di definire un nuovo percorso virtuoso inserito nel quadro del Testo unico forestale nazionale, per il quale sono ancora necessari nove decreti attuativi (tra i quali, la Strategia forestale nazionale). 

Oggi in Piemonte sono 471 gli operai forestali di cui 237 assunti a tempo indeterminato e 198 a tempo determinato.

Il loro lavoro sui territori è fondamentale per la prevenzione del dissesto idrogeologico e la messa in sicurezza dei versanti. Manutenzioni ordinarie decisive, in molti casi richieste alle squadre di operai forestali dai Comuni e dalle Unioni montane di Comuni. Importante il lavoro svolto nei vivai regionali e le attività per la valorizzazione del patrimonio sentieristico regionale.

Nel quadro nazionale, sono un pezzo importante - pur con articolazioni e numeri diversi nelle Regioni - delle politiche forestali attive, in sinergia stretta con il sistema pubblico. Uncem ha proposto nel contratto integrativo regionale del Piemonte anche nuovi strumenti di formazione - strategico in questa direzione il ruolo del Formont, centro avanzato per i mestieri di montagna - nonché un più fitto lavoro in accordo con gli Enti locali.

Dopo Campania e Veneto, il contratto integrativo piemontese apre la strada alla revisione del contratto nazionale d'intesa con tutte le sigle sindacali e anche i datori di lavoro del sistema privato, che utilizzano lo stesso contratto.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium