/ Cronaca

Cronaca | 20 marzo 2019, 17:15

A processo per rapina in una banca del centro di Cuneo

Il 15 dicembre 2016 due persone erano entrate nella filiale rubando denaro in contante. Una teste: “Quel giorno lavorava come commesso in un supermercato in Sicilia”

Foto generica

Foto generica

Era il 15 dicembre 2016 quando la filiale della Credem Banca a Cuneo fu rapinata da due persone. All’ora di pranzo il personale si stava preparando per uscire. La cassiera si era sentita toccare alle spalle da un uomo, di cui poteva vedere solo gli occhi: “Impugnava una pistola ma non me la puntò contro. Mugugnando mi fece segno di spostarmi in modo che potesse prendere il denaro. Gli altri colleghi erano invece stati chiusi in un ufficio”.

In tribunale si sta celebrando il processo a carico di S.S. pregiudicato catanese. Secondo la Procura sarebbe uno dei rapinatori che dopo il fatto erano scappati dalla finestra sul retro e si erano allontanati in bicicletta, facendo perdere le proprie tracce.

Nella scorsa udienza un ispettore della Squadra Mobile di Cuneo aveva spiegato che S. fu arrestato dopo due mesi insieme ad un’altra persona a seguito di una rapina, avvenuta in una banca di Parma con lo stesso modus operandi.

Oggi ha testimoniato la responsabile del punto vendita di un supermercato nel Catanese, dove l’imputato nel periodo della rapina di Cuneo lavorava “in prova da misura detentiva”: “Si occupava della sistemazione dei prodotti nel reparto. Il 15 dicembre 2016 era stato segnato presente sul foglio presenze dei dipendenti”. Il 17 febbraio 2017, il giorno del suo arresto a Parma, risultava invece in riposo settimanale.

Le domande della difesa rivolte agli impiegati della banca avevano insistito sulle modalità di riconoscimento del S., avvenute tramite foto degli album segnaletici e con ricognizione diretta. Ma dei rapinatori erano visibili solo gli occhi, e i testimoni non sono stati concordi sull’altezza e sulla corporatura dell’uomo che aveva preso il denaro.

Il processo è stato rinviato per la discussione all’8 maggio.

Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium