/ Cronaca

Cronaca | 21 marzo 2019, 10:22

Ceva, i Forestali scoprono cava gestita in modo irregolare: seri i rischi idrogeologici

Le attività dei militari, portate avanti con l'ausilio di un drone, hanno permesso di scoprire uno smottamento di terreno ampio circa 2 mila metri quadri; nei guai la società gestrice dell'impianto

Ceva, i Forestali scoprono cava gestita in modo irregolare: seri i rischi idrogeologici

I Carabinieri Forestali delle stazioni di Ceva e Ormea negli scorsi giorni hanno effettuato alcuni voli di ricognizione con droni di ultima generazione, per monitorare alcune zone boscate montane di difficile accesso. L

e operazioni sono state rese possibili grazie all’opera prestata gratuitamente dai piloti dell’Associazione Nazionale Carabinieri, i quali, seppur in congedo permanente, continuano ad offrire il proprio impegno alle Istituzioni.

I voli in particolare hanno permesso di individuare un significativo smottamento, di circa 2000 mq, verificatosi nei pressi di un impianto di estrazione di inerti nel comune di Ceva. Il dissesto, presumibilmente causato dalla gestione irregolare della cava, ha interessato una notevole porzione di bosco, andando anche ad interferire con lo scorrimento delle acque superficiali del sottostante Fea a causa del materiale terroso scivolato verso il basso.

Durante le indagini sono emerse inoltre numerose altre condotte illecite, operate dalla società che aveva in gestione l’impianto. In particolare, grazie alle foto con inquadratura dall’alto, è stato possibile verificare che nell’area era stata eliminata una consistente porzione di pineta, abbattuta senza alcun titolo autorizzativo. Il legname inoltre risulta, a distanza di alcuni anni dall’intervento, ancora abbandonato sul posto, ormai prevalentemente decomposto, e costituendo, in caso di incendi, un pericoloso cumulo di biomassa facilmente combustibile.

Nella stessa area inoltre, al di fuori dei limiti di estensione massima definiti nelle autorizzazioni dell’impianto, e interessando in parte terreni privati di altri ignari proprietari, sono state tracciate alcune strade di accesso senza i prescritti titoli abilitativi.

All’amministratore della società al tempo operante sono stati contestati il reato urbanistico-edilizio, l’inottemperanza alle prescrizioni autorizzative, la distruzione di bellezze naturali e lavori su beni paesaggistici senza autorizzazione, per i quali rischia pene detentive che potrebbero superare i dieci anni e sanzioni pecuniarie fino a 200 mila euro, nonché una serie di specifiche violazioni amministrative di polizia forestale. In caso di condanna il titolare dell’azienda sarebbe inoltre tenuto a garantire il ripristino ambientale e la messa in sicurezza di tutta l’area interessata dal dissesto.

Per tutelare l’incolumità pubblica ed evitare ulteriori danni, i Carabinieri Forestali provvederanno ora al debito rapporto agli enti amministrativi competenti al fine di mettere in sicurezza l’ampia area coinvolta. 

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium