/ Al Direttore

Al Direttore | 04 aprile 2019, 11:41

Sanità, metodologia delle donazioni di sangue: Groppo di Avis replica a Biadene di Fidas

Riceviamo e pubblichiamo

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Buongiorno,

leggo oggi la lettera inviata dal Sig. Sandro Biadene dal titolo “Sanità, metodologia delle donazioni: qualche chiarimento dal Presidente Provinciale Fidas” che mi lascia basito in quanto nel suo esporre scomposto, faceva riferimento ad un nostro articolo del 18 Marzo u.s. a suo dire “pieno di inesattezze e di non appropriate informazioni”, rappresentando infine il Primario Lorenzi che non parla ma vorrebbe parlare ed allora lui lo rappresenta ecc...

Io non so in che stato emotivo il Sig. Biadene abbia scritto la lettera e perchè lo abbia fatto, ma l’articolo apparso il 18 marzo u.s su Targato Cn non era un mio articolo ma il resoconto della nostra Assemblea Provinciale Avis che si è tenuta a Mondovì il 16 Marzo u.s. dove oltre la mia relazione, si è svolto il dibattito nel quale i delegati si sono manifestati molto critici verso il quadrante di Cuneo ed in particolare per le zone di Cuneo e Savigliano: se a tale riunione fosse stato presente il Primario Dr. Lorenzi o suo delegato, oppure un delegato dei Direttori Generali, avrebbero potuto sentire direttamente, ma è stata nostra premura incontrare direttamente il Dr. Lorenzi e l’incontro è avvenuto il 21 marzo u.s. presso il suo Ufficio all’Ospedale S.Croce, unitamente ad un rappresentante del Direttore Generale.

Noi, a differenza del Sig. Biadene che è presidente di un’Associazione denominata “Fidas Provinciale” che a quanto ci risulta, non ha mai fatto una pubblica assemblea, mentre noi abbiamo appena svolto la n. 61 e ci riuniamo periodicamente e discutiamo, e quanto viene riportato sui giornali, non è l’opinione del singolo, ma dell’Associazione: non vogliamo qui obbligare il Sig. Biadene a fare le Assemblee della sua associazione, ma con tutto rispetto, a quelle dell’Avis e a cosa si discute, lo decidiamo noi.  

Non capisco proprio questa lettera in quanto con la Fidas c’è armonia e partecipiamo spesso alle loro Feste di Sezione, ma il Sig. Biadene non l’abbiamo mai visto quindi ho paura che in tale Associazione  rappresenti solo se stesso.

Siamo ben consapevoli dei cali di donazioni lamentati dal Sig. Biadene per quanto riguarda la Fidas nei primi mesi del 2019 e per quanto riguarda Avis, vogliamo che i Direttori Generali capiscano l’importanza di dotare il Centro Trasfusionale di più medici per poter raccogliere tutto il sangue disponibile e necessario, non solo per il proprio Ospedale e nei prossimi giorni ci confronteremo serenamente con la struttura pubblica, come abbiamo sempre fatto, con buona parte di quelli che gufano o scrivono per uscire dall’ombra. 

Giorgio Groppo

Presidente Avis Provinciale Cuneo   

lettera firmata

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium