/ Eventi

Eventi | 06 aprile 2019, 08:48

La nostra rubrica "Overcooking" diventa un libro. La presenta a Cuneo il suo autore, Germano Innocenti domenica alle 18

"Gli articoli sono veloci, autobiografici, e mescolano a una scrittura 'alta' lo slang più postmoderno che esista. Tutti scritti all'infinito presente come delle ricette".

La nostra rubrica "Overcooking" diventa un libro. La presenta a Cuneo il suo autore, Germano Innocenti domenica alle 18

Domenica 7 aprile alle ore 18.00 presso la libreria Mondadori di Cuneo, lo scrittore e giornalista Germano Innocenti presenterà il suo ultimo libro Overcooking. Il testo, edito nel 2018 per i tipi di “Caosfera-edizioni”, raccoglie in silloge quasi tre anni di articoli dell'omonima rubrica Overcooking ad oggi in corso sul nostro quotidiano Targato CN, pubblicati ogni settimana.

Di cosa parla Overcooking? “Mi occupo di satira enogastronomica con un taglio punk. Ci sono ironia nera, critica sociale, citazioni, giochi di parole, demolizione dei dogmi costituiti e autoironia. L'immagine del logo è un teschio di maionese con orbite di ketchup, ossa di patate fritte e senape, eseguito dal sottoscritto con la spatola dei colori ad olio su un piatto di ceramica nero”.

Quali sono gli argomenti che più interessano il mondo di Overcooking? “L'obiettivo è ridicolizzare il manierismo dei ristoranti d'essai dove la forma non si limita a sopravanzare la sostanza ma la diventa, criticare il proliferare delle cucine etniche che ci illudono di avere una più ampia libertà di scelta (ma solo in cucina), per poi passare alla denuncia d'un precariato esistenziale oltre che lavorativo, al crollo delle sinistre e alla diffusione d'un populismo vagamente destrorso che si fa portavoce d'un nichilismo travestito da protezionismo. Gli articoli sono veloci, autobiografici, e mescolano a una scrittura 'alta' lo slang più postmoderno che esista. Tutti scritti all'infinito presente come delle ricette".

Come riassumerebbe Overcooking? “Con la frase in apertura del testo: 'pensavamo di mangiare e invece siamo mangiati'. Chiara chiosa alla passività d'un consumatore ormai sempre più passivo rispetto alla colonizzazione dei vari Masterchef eccetera”.

Direttamente dall'introduzione : "... Intanto il damerino in tv impiattava una raffinatissima portata circondata da un Pollock di aceto balsamico masturbandosi o quasi sul retrogusto fruttato d'un vino stimabile in carati. L'avrei strangolato gioiosamente." costui non è mai rientrato a casa dopo dieci ore di lavoro alienante, ho pensato...".

Pubblicista, laureato in scienze politiche, nato nel 77, Germano si occupa anche di cinema attraverso la rubrica Overmovie sempre pubblicata su Targato CN ed è autore di quattro volumi poetici.


Stefania Orengo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium