/ Attualità

Attualità | 17 aprile 2019, 16:24

Studente universitario albese tra i concorrenti in gara a "L’Eredità"

Tra i protagonisti della puntata in onda questa sera dalle 18.45, Gioele Giachino ci racconta l’esperienza vissuta con la sua partecipazione al popolare format di Rai Uno

Gioele Giachino, protagonista questa sera al noto gioco televisivo in onda Rai Uno

Gioele Giachino, protagonista questa sera al noto gioco televisivo in onda Rai Uno

Sarà più di un quarto d’ora di celebrità quello di cui questa sera, mercoledì 17 aprile, potrà godere il 20enne albese Gioele Giachino, tra i concorrenti della puntata de “L’Eredità” in onda a partire dalle ore 18.45 sugli schermi di Rai Uno.

Alla sua 17ª edizione, la trasmissione, prodotta da Magnolia e condotta da Flavio Insinna, è uno dei format più noti e seguiti della nostra televisione, con uno share stabilmente attestato sopra il 25% e un pubblico che supera i 5 milioni di telespettatori, curiosi di conoscere quale dei concorrenti in gara si sarà aggiudicato il diritto di partecipare alla "Ghigliottina" finale, contendendosi un montepremi che, a seconda delle puntate, è già arrivato a superare i 200mila euro.

Gioele, studente al secondo anno di Ingegneria Informatica, vi è arrivato superando un provino tenuto nelle scorse settimane a Torino, con domande di cultura generale e una presentazione di fronte alle telecamere. Circa un mese dopo è arrivata la chiamata e la registrazione della puntata, avvenuta giovedì scorso.   

Ovviamente Gioele non può anticiparci come la sua avventura sia andata a finire, per cui invitiamo i lettori a seguirlo sintonizzandosi alla trasmissione. Ci racconta però le emozioni vissute grazie a un’esperienza decisamente diversa dal solito: "Scopri un mondo incredibile e decisamente organizzato – ci racconta – tra trucco, 'parrucco' e tecnici audio. Il mix di emozioni è davvero particolare: si passa da un iniziale senso di smarrimento a una forte adrenalina, passando per momenti di imbarazzo e, alla fine, anche da un certo orgoglio, per l’essersi saputi confrontare con un universo così diverso dal nostro comune quotidiano. Sicuramente ciò che da casa sembra tanto semplice, una volta in gioco non lo è affatto. Sono comunque fiero e contentissimo, è un'avventura che porterò sempre nel cuore!".

Ezio Massucco

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium