/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 19 aprile 2019, 16:02

“In te c’è stato il fuoco sacro che tiene acceso il paese”: a Sanfront l’ultimo saluto a “Mondo” Sacco, sindaco per 20 anni

Il feretro avvolto da quella fascia tricolore indossata con dedizione e passione. Tanti gli amministratori che hanno preso parte al rito esequiale

“In te c’è stato il fuoco sacro che tiene acceso il paese”: a Sanfront l’ultimo saluto a “Mondo” Sacco, sindaco per 20 anni

La fascia tricolore, quella fascia indossata tante volte con passione e dedizione per 20 anni, ha avvolto, questo pomeriggio (venerdì), il feretro di Raimondo Sacco, ex sindaco di Sanfront dal 1970 al 1990.

In tanti hanno voluto essere presenti per dare l’ultimo saluto all’ex primo cittadino, consigliere comunale per vent’anni, consigliere provinciale tra le fila della Democrazia Cristiana e presidente della Comunità Montana per dal 1977 al 1990.

La salma di Sacco, scomparso all’età di 79 anni, è giunta, poco prima delle 15, sul sagrato della chiesa parrocchiale di San Martino. Ad accoglierla il sindaco Emidio Meirone con l’Amministrazione comunale, il gonfalone del Comune listato a lutto, e tante rappresentanze del mondo associazionistico locale.

Poi tanti amministratori, di oggi e del passato, alcuni colleghi insegnanti e qualche volto “storico” della DC, che con Raimondo ha condiviso le tante “battaglie” politiche dell’epoca.

“Oggi noi consegniamo Raimondo a Gesù - ha detto nell’omelia il parroco don Biagio Chiapello - che allarga le braccia per accoglierlo. Oggi per lui è un gran giorno: è entrato nella Pienezza, incontrando il Signore.

Il servo fa politica e la politica è dei servi, di quelli che portano avanti il progetto di Dio, che vuole che gli uomini stiano bene.

Governare un paese, una Comunità Montana o una scuola per tanti anni è fare quello che Dio vuole. L’ho visto tante volte venire dove c’è il libro della Parola di Dio e leggerla: che bello, la cultura è alimentata dalla Parola.

Faceva parte della cantoria, che oggi risente della mancanza della sua voce. E poi l’educazione dei giovani: una sfida che per tanti anni Raimondo ha portato avanti. Lui ci dice che l’educazione si fa attraverso la cultura del bello, del giusto e dell’Eterno.

Oggi ci sorride e ci dice che ha voluto bene a questo paese, ha voluto il suo bene”.

“Buongiorno Mondo, così eri per noi, così sei e così rimarrai. - il ricordo a margine dei funerali del sindaco Meirone - Tutte le incombenze che hai avuto nel nome di Sanfront le hai sempre portate nel cuore.

Non si fa quel che hai fatto tu se non si è generosi: tu lo sei stato. Chiunque, anche se non la pensava come te, non può non ricordati con amore.

Hai segnato un tempo. Hai insegnato molto in questo tempo.

La Politica è una passione che dà e toglie, a volte ingrata, ma è il mezzo per far sì che la democrazia si compia. In te c’è stato, fino alla fine, il sacro fuoco che tiene accesa luce del nostro Sanfront.

Sei stato un faro per migliaia di candele. Grazie sindaco, grazie Mondo. Buon viaggio”.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium