/ Speciale elezioni

Che tempo fa

Cerca nel web

Speciale elezioni | 19 aprile 2019, 19:30

Luigi Genesio Icardi (Lega): "Impronta ecologica e consumi energetici: buone pratiche per salvaguardare i nostri territori"

Anche la nostra viticoltura minacciata dal riscaldamento globale. Il candidato del Carroccio alle regionali di fine maggio ricorda i capillari interventi per una maggiore efficienza dei consumi comunali realizzati sotto la sua guida dall’Amministrazione di Santo Stefano Belbo

Luigi Genesio Icardi riceve il premio che il Gse ha conferito al Comune di Santo Stefano Belbo

Luigi Genesio Icardi riceve il premio che il Gse ha conferito al Comune di Santo Stefano Belbo

"Stiamo consumando le risorse del futuro ed è importante invertire immediatamente la rotta, prima che sia troppo tardi, a partire da un efficiente utilizzo dell’energia".

Il tema di concrete risposte da dare rispetto alle emergenze del surriscaldamento globale, delle mutazioni climatiche e della sostenibilità dei nostri modelli di consumo è stato al centro di "Energia e ambiente. Tecnologie globali per risposte locali", riuscito convegno che Egea e Confindustria Cuneo hanno tenuto ieri, giovedì 18 aprile, all’hotel I Somaschi di Cherasco, con la partecipazione di importanti e qualificati esperti.

"Un confronto di assoluto livello", commenta Luigi Genesio Icardi, che non ha voluto mancare a questo importante appuntamento nella sua veste di candidato per la Lega alle elezioni regionali di fine maggio.

Durante i lavori il preoccupante stato del pianeta è stato descritto ricorrendo all’indice della cosiddetta "impronta ecologica": la quantità di ambiente, misurata in ettari, di cui necessitiamo per sviluppare i nostri consumi senza che ciò comprometta la capacità dell’ecosistema di rigenerarsi. Secondo gli esperti convenuti a Cherasco l’attuale biocapacità della terra è di 2 "ettari globali" (gha) per abitante, mentre ad oggi la media pro capite di ambiente consumato è pari a 3 gha.

"Questo vuol dire – prosegue Icardi – che viviamo di un terzo al di sopra delle nostre possibilità e che così facendo stiamo mettendo a serio rischio il futuro dei nostri figli. Ma oltre il 50% di questo consumo è legato alla produzione di energia. Per cui è sempre più indispensabile trovare il modo per ridurre i consumi e approvvigionarci dell’energia necessaria in modo efficiente. Fondamentale in questo senso è quanto fatto nel nostro piccolo e anche quanto realizzato dalle nostre amministrazioni a livello locale", prosegue l’esponente del Carroccio, che richiama quanto fatto sotto la sua guida dall’Amministrazione di Santo Stefano Belbo, più volte premiata dal Gestore Servizi Elettrici per i risultati conseguiti grazie alla conversione alla tecnologia Led della rete locale di illuminazione pubblica e agli interventi di efficientamento operati su scuole, municipio e diversi altri edifici comunali".

"Non dimentichiamoci – conclude Luigi Genesio Icardi – che viviamo in un’area ad altissima vocazione agricola. Surriscaldamento e mutazioni climatiche mettono a rischio le nostre colture di eccellenza, come dimostra il fatto che per piantare nuovi vigneti si guarda ad altitudini sempre maggiori, minando al contempo gli equilibri di un territorio fragile dal punto di vista idrogeologico. Sono preoccupazioni che è importante tenere ben presenti se davvero vogliamo guardare al futuro con serenità". 

Cpe

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium